keystone
Le postazioni dei giornalisti a Bernexpo, durante la sessione del Consiglio nazionale.
SVIZZERA
05.05.20 - 12:030
Aggiornamento : 12:18

Via libera agli aiuti per i media

Il Consiglio nazionale ha approvato un pacchetto di 65 milioni di franchi a sostegno di giornali, radio e tv

BERNA - Il blocco delle attività produttive dovuto al coronavirus e il conseguente crollo della entrate pubblicitarie hanno posto i media in una situazione drammatica. Nonostante l'opposizione del Consiglio federale e di parte del plenum, il Consiglio nazionale, dopo gli Stati ieri, ha approvato oggi due mozioni che chiedono un aiuto urgente di circa 65 milioni di franchi per garantire la sopravvivenza di giornali, radio e tivù.

Stando al plenum, il crollo degli introiti pubblicitari tra il 60 e il 95% a seguito della crisi del coronavirus, la già difficile situazione economica dei media imputabile alla digitalizzazione galoppante è divenuta drammatica. E ciò proprio in questa fase la domanda di offerte mediatiche serie è quanto mai forte.

Una prima mozione, approvata dal plenum per 124 voti a 66 e 3 astenuti, chiede al Consiglio federale di adottare provvedimenti immediati sotto forma di una soluzione transitoria: concretamente si tratta innanzitutto di sostenere l'agenzia di stampa Keystone-ATS affinché sia in grado di diffondere gratuitamente ai suoi abbonati nelle tre lingue i suoi testi del servizio di base. I suoi clienti, ossia la maggior parte dei media, fa fatica a pagare l'abbonamento a causa del drastico crollo delle entrate.

La mozione prevede inoltre lo stanziamento dei mezzi necessari per l'invio gratuito dei giornali regionali e locali da parte della Posta (circa 25 milioni di franchi) e una riduzione del prezzo per il recapito degli altri quotidiani (10 milioni).

Contrari a questa mozione i deputati dell'Unione democratica di centro. Gregor Rutz (UDC/ZH) ha sottolineato l'importanza dei media per una democrazia funzionante, la cui indipendenza rischia tuttavia di essere messa a dura prova se dipende dal denaro pubblico. Vi è a suo dire anche il rischio di un rincaro del canone radio-tivù.

La seconda mozione, accolta con 178 voti a 12 e 3 astenuti (col sostegno anche di molti democentristi), auspica che le emittenti radiotelevisive locali e regionali siano sostenute con 30 milioni in più rispetto al 2019. Questo aiuto d'emergenza può essere erogato attingendo alla riserva di fluttuazione del canone radiotelevisivo già presente.

Le due mozioni sono state accolte nonostante l'opposizione del Consiglio federale. La ministra delle telecomunicazioni, Simonetta Sommaruga, ha sottolineato l'importanza dei media giudicando il quarto potere un'infrastruttura critica per la nostra democrazia.

La presidente della Confederazione ha tuttavia fatto notare che le due mozioni si aggiungono al pacchetto di aiuti a favore dei media del valore di 50 milioni già deciso dal governo. Sommaruga ha anche fatto notare che i media in difficoltà possono far capo anche ai crediti Covid-19 o al lavoro ridotto.

Stando a Sommaruga, il pacchetto governativo offre un aiuto a tutti i tipi media (stampa, radio, televisione, online). Le misure puntano a un miglioramento delle condizioni quadro a lungo termine. Costituiscono, secondo la consigliera federale, una risposta alla crisi strutturale dei media e sono più mirate e durevoli rispetto alle misure immediate chieste dal Parlamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Sequestrate diverse armi a due estremisti 19enni
La Polizia è intervenuta questo pomeriggio presso due abitazioni a Winterthur
SVIZZERA
2 ore
Soglia dei 1'000 abbattuta, ma c'è ancora incertezza per i concerti
Mentre lo sport sorride, gli organizzatori di show e festival non sono convinti
SVIZZERA
2 ore
Chiesti 15 e 13 anni di galera per i "genitori dell'orrore"
In aula, i due ex coniugi hanno respinto tutti gli addebiti, accusandosi a vicenda
URI
3 ore
Incidente di lusso sul Passo del San Gottardo: coinvolte una Bugatti e una Porsche
All'origine dell'impatto ci sarebbe stato un tentativo di sorpasso
SVIZZERA
5 ore
Anziani al supermercato, nonostante il virus
Sono tra le persone vulnerabili, ma temono meno la pandemia. È quanto emerge da uno studio del Politecnico di Zurigo
SVIZZERA
5 ore
Sport ed eventi, da ottobre anche più di 1'000 persone
Gli organizzatori dovranno però ricevere l'ok dai cantoni e disporre di severe misure di protezione.
SVIZZERA
5 ore
Anche i contanti fra le vittime del Covid
Dopo il lockdown, il 41% della popolazione ne fa un uso minore. Guadagna terreno l'e-banking
SVIZZERA / BIELORUSSIA
6 ore
Svizzero arrestato a Minsk, il DFAE segue il caso «con grande urgenza»
Il cittadino elvetico è finito in manette in seguito alle proteste esplose nella capitale a causa dei brogli elettorali.
SVIZZERA
6 ore
Prepariamoci a un deficit di 3,1 miliardi a causa del Covid-19
Le uscite straordinarie per la pandemia autorizzate dal Consiglio federale e dal Parlamento ammontano a 30,8 miliardi
SVIZZERA
7 ore
Nel 2019 sette morti per avvelenamento
Tox Info Suisse ha fornito 39'217 consulenze. Il 70% dei casi è dovuto a medicinali, prodotti per la casa e piante
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile