Keystone
ARGOVIA
21.04.20 - 14:100
Aggiornamento : 17:14

Argovia esige riapertura dei negozi

Il Consiglio di Stato ha scritto una lettera a Berna: «Incomprensibile attendere fino all'11 maggio»

AARAU - Il governo del Canton Argovia esige la riapertura di tutti i commerci da lunedì prossimo. In una lettera indirizzata al Consiglio federale, il calendario del deconfinamento viene definito ingiusto nei confronti dei negozi di piccola e media taglia.

L'esecutivo argoviese ha dato seguito a una domanda depositata venerdì dai partiti borghesi (UDC, PLR e PPD) e da organizzazioni economiche cantonali. Sostiene le loro rivendicazioni e auspica una riapertura di tutti i commerci a partire dal 27 aprile, contrariamente a quanto deciso dal Consiglio federale.

Nella lettera aperta, il Consiglio di Stato chiede a Berna di riconsiderare le decisioni prese. Valuta «incomprensibile» il fatto di aprire tutti i negozi solamente l'11 maggio, quando le grandi catene di distribuzione vedranno diverse restrizioni tolte già lunedì prossimo. Si tratta di una «distorsione della concorrenza» della durata di due settimane, si legge.

Il governo argoviese chiede quindi la riapertura di tutti i commerci in grado di rispettare le norme di protezione della salute. «Le misure di distanza fisica praticate con successo negli alimentari possono essere applicate senza problemi anche in altri settori», sottolinea Aarau. La richiesta, a suo dire, è condivisa da «numerosi Cantoni e organizzazioni economiche». Un esempio in questo senso è San Gallo. Anche in questo caso il governo cantonale ha chiesto alla Confederazione di accelerare i tempi, sottolineando che «difficilmente» il calendario presentato dal Consiglio federale limiterà i danni per l'economia.

L'esecutivo argoviese chiede al Consiglio federale anche di pronunciarsi chiaramente, in occasione della prossima comunicazione ufficiale, sui settori della ristorazione e degli eventi, poiché per questi ambiti è indispensabile avere una prospettiva temporale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
1 ora
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
SVIZZERA
2 ore
Freddo e neve, i disagi oltralpe proseguono
Soprattutto per quanto riguarda i mezzi pubblici: diverse tratte ferroviarie sono tuttora bloccate.
SVIZZERA
2 ore
«I cantoni più lenti avranno meno dosi»
È l'indiscrezione riportata nell'edizione odierna della NNZ am Sonntag.
SVIZZERA
3 ore
Quelle 6'000 aziende che non riceveranno alcun aiuto
Si tratta delle imprese fondate dopo lo scoppio della pandemia. Non rientrano nei cosiddetti casi di rigore.
SVIZZERA
14 ore
I "corona-scettici" e le minacce online: «Assaltiamo Palazzo Federale»
Alcuni gruppi radicali contrari alle misure anti-coronavirus invocano un attacco a Berna
SVIZZERA
16 ore
Dramma a Gerlafingen: due bambine trovate morte in un appartamento
La madre è stata arrestata dalla polizia: è la principale indiziata
LE FOTO
SVIZZERA
18 ore
Comprensori sciistici, è caos valanghe: ci sono 2 morti
La polizia e la Rega hanno lavorato ininterrottamente per cercare eventuali dispersi
SVIZZERA
19 ore
«Inserite la salvaguardia delle risorse naturali nella Costituzione»
Lo chiedono i giovani verdi, che si apprestano a lanciare un'iniziativa popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile