Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
13.09.19 - 16:160

«La Svizzera fuori dalla blacklist italiana»

Una mozione di Roberta Pantani chiede al Consiglio federale di adoperarsi per cambiare le cose

BERNA - La “lista degli oggetti in sospeso da trattare con lo Stato italiano” ha un nuovo argomento. O perlomeno, è quanto chiede una mozione presentata da Roberta Pantani. Il Consiglio federale dovrebbe «adoperarsi affinché venga posto un rimedio in tempi brevi» alla presenza della Svizzera sulla black list italiana riguardante la fiscalità delle persone fisiche.

La consigliera nazionale leghista ritiene che la situazione sia «assurda» in quanto è entrato in vigore il Protocollo che nel 2015 ha modificato la Convenzione contro la doppia imposizione. 

La presenza della Svizzera nella blacklist «non consiste unicamente in un aumento dell’onere amministrativo per i diretti interessati ma rappresenta anche per le banche e le imprese che operano sul territorio svizzero, in particolare su quello ticinese, uno svantaggio competitivo». Infine «il rischio dell’onere della prova si estende anche a tutti quei casi legati alle rogatorie italiane, dunque potenzialmente anche a molti consulenti bancari».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bimbogimbo 1 anno fa su tio
Basta fare la voce grossa con i nostri vicini e dar loro un ultimatum. I nostri vicini sono lo zimbello d’europa, in un paese purtroppo in caduta libera in tutte le classifiche internazionali. Come si può pensare di intavolare una discussione con degli elementi cosi? Quando i nostri politici inizieranno a capire che sono loro ad aver bisogno di noi e non il contrario, le trattative volgerebbero velocemente al termine...
centauro 1 anno fa su tio
@bimbogimbo Forse dimentichi che la Fallitalia è pur sempre la seconda forza produttiva d'Europa e tra le 7 più industrializzate al mondo, fare la voce grossa mi sembra un po' una esagerazione per un Paesello come la CH!
Lonely Cat 1 anno fa su tio
@centauro Che strano, quando c’è da reclamare qualcosa in nostro favore siamo un piccolo paesello senza speranza. Quando invece c’è da accogliere e pagare siamo il paese più grande e ricco del mondo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
2 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
4 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
5 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
6 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
7 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
7 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
9 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
FOTO
GINEVRA
11 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVITTO
12 ore
Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso
La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile