Keystone
SVIZZERA
16.02.19 - 09:190
Aggiornamento : 12:01

Svolta in casa PLR: sì (forse) alla tassa sui biglietti aerei

La presidente Petra Gössi ha annunciato anche un dibattito interno sulla politica ambientale. È in ballo il progetto di legge sul CO2 per rispettare l'accordo di Parigi

BERNA - Il PLR cambia sorprendentemente rotta sulla legge sul CO2: aperto al compromesso, il partito non si opporrà né alla tassa sui biglietti aerei né a obiettivi nazionali di riduzione di emissioni. Lo ha annunciato la presidente Petra Gössi in un'intervista odierna.

«Vogliamo una politica climatica efficace», sostiene Gössi nell'intervista pubblicata dai giornali in lingua tedesca di Tamedia per spiegare questo cambiamento di rotta. «Non ci opporremo a una tassa sui biglietti aerei, se ciò può aiutare la sinistra a non respingere nuovamente l'intero progetto», spiega Petra Gössi. In ogni caso, precisa la svittese, il PLR valuterà la situazione alla fine dei dibattiti.

A dicembre, il Consiglio nazionale ha respinto un progetto di legge sul CO2 che avrebbe consentito di rispettare gli impegni dell'accordo di Parigi sul clima. In particolare, UDC e PLR avevano fatto di tutto per evitare che venissero fissati obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni di CO2. Entrambi i partiti puntavano invece a una riduzione degli agenti nocivi in altri paesi e a una compensazione da parte elvetica mediante l'acquisto di certificati di emissione all'estero.

La sinistra aveva votato contro il progetto, sostenendo che le proposte dei due partiti borghesi lo avevano annacquato: alla fine la proposta era stata votata solo da PPD e PLR.

La palla è ora in mano al Consiglio degli Stati, che ha l'opportunità di correggere la situazione. Martedì scorso, la commissione per l'ambiente della Camera dei cantoni ha stimato che la Svizzera dovrebbe ridurre le proprie emissioni di gas a effetto serra del 50% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. Ritiene inoltre che la quota minima di riduzione da raggiungere in Svizzera dovrebbe essere del 60%.

Nell'intervista Petra Gössi annuncia anche un dibattito interno al partito sulla politica climatica: nelle prossime settimane il PLR condurrà un sondaggio tra i suoi 120.000 membri.

«Vogliamo sapere quali sono gli obiettivi più importanti a livello della base», dice la svittese. L'indagine mira a chiarire la posizione del PLR sulla politica ambientale. Per la presidente due cose sono fin d'ora chiare: «Sosteniamo la transizione energetica e non vogliamo nuove centrali nucleari».

9 mesi fa I Verdi vogliono una tassa ambientale sui biglietti aerei
11 mesi fa Legge CO2, nessuna tassa sui biglietti aerei
10 mesi fa L'alleanza UDC-PS affossa la Legge sul CO2
Commenti
 
Eva Zimmermann 8 mesi fa su fb
Il problema dell'inquinamento non si risolve.
Elmulo Loco 8 mesi fa su fb
Il PLR è verde? propaganda politica e proposta assolutamente inutile al caso!
Jonathan Bopp 8 mesi fa su fb
Quindi far 1000 km in auo è più ecologico che in aereo?
Massimo D'Onofrio 8 mesi fa su fb
Un partito allo sbando...
Galium 8 mesi fa su tio
Finalmente il PLR accenna ad un cambiamento di rotta in campo ecologico. C'è solo da rallegrarsene!
Esse 8 mesi fa su tio
@Galium Ora che è chiaro a tutti che l ecologia è un business... ??
Meck1970 8 mesi fa su tio
Si... C'è sempre Malpensa, Linate o Bergamo
Maurizio Terrenghi 8 mesi fa su fb
Siamo nel paese delle tasse?!
Benedetto Craco 8 mesi fa su fb
Basta tasse
Giancarlo Baffa 8 mesi fa su fb
Tutti a Malpensa
Trasp 8 mesi fa su tio
Quest'anno ci sono le elezioni? Beh allora io sono per la pace nel mondo, per fare l'interesse dei cittadini, per un futuro migliore e per i diritti di tutti!!
Alessandro Milani 8 mesi fa su fb
Anche la tassa sulla carta da cesso?
Giorgio Albisetti 8 mesi fa su fb
Bravi... a quando una tassa sul l’aria che respiriamo?
Eduu Talaj 8 mesi fa su fb
Manca solo la tassa del aria che rispiriamo e caghiamo che siam apposto
Cinzia Cattaneo Airaghi 8 mesi fa su fb
Questa è la politica globale per la salvaguardia del pianeta: non diminuire l'inquinamento, ma aumentare le tasse sugli inquinanti, che non diminuiscono, ma fanno aumentare gli introiti dei governi. E il cittadino, come al solito, paga.
Amina Domeniconi 8 mesi fa su fb
Si, si ricordatevi che il 2019 ci sono le elezioni.
Nmemo 8 mesi fa su tio
Se già a quel livello si va nella direzione di una bandiera al vento, la confusione per il cittadino sarà totale. Bene battersi per la salute del pianeta (CO2), consapevoli comunque che la Svizzera subisce l’inquinamento immesso da colossi mondiali. Ci s’imbarcherà a MXP, risparmiando tasse CO2 e sfavorendo l’economia nazionale. Per contro non ci si preoccupa a sufficienza delle emissioni “di prossimità”: NO2 e polveri fini quelle che impediscono di respirare aria respirabile.
Esse 8 mesi fa su tio
@Nmemo Il CO2 è il risultato della combustione perfetta di idrocarburi. Per questo è un ottima cartina tornasole dell'utilizzo di combustibili fossili ("responsabili"anche della produzione di gas tossici quali ossidi d'azoto) Riduttore il CO2 equavale a ridurre l energia prodotta da combustioni e di riflesso al diminuire quantità di qualunque inquinate prodotto in questo processo. Quindi ...per fare il grosso del lavoro va benissimo concentrarsi sulla riduzione di CO2; poi chiaro , per affinare l'impatto ecologico delle inevitabili residue combustioni , esistono e vengono applicate varie strategie di minimizzazione dei danni (catalizzatori tre vie.. filtri particolato, ..carburanti o catalizzatori del NOx..., ...) Anche se va detto, spesso per ridurre uno specifico inquinante se ne aumenta un altro o se ne creano di nuovi; Perciò cominciare a bruciare meno è un ottimo punto di partenza sé si vuole un aria migliore , da ciò... ok ad obbiettivi sul CO2 come prima misura.
york11 8 mesi fa su tio
@Nmemo Vero, già oggi costa meno partire da MXP con scalo a ZH che recarsi a Kloten e prendere lo stesso volo in partenza da ZH. Per una questione di tasse d'imbarco e altro costa meno prendere 2 voli anziché uno solo con tutto quello che ne consegue sull'impatto ambientale.
vulpus 8 mesi fa su tio
Ben vengano le iniziative di questo genere. Ma siamo alla vigilia delle lezioni autunnali, e questo sa un pò di campagna elettorale , come nel Ticino adesso: promesse mirabolanti per progetti che stagnano da oltre 20 anni.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore

In migliaia a protestare contro l'attacco turco in Siria

A Ginevra, Berna e Lucerna si è chiesto a gran voce la fine immediata della guerra e dell'oppressione del popolo curdo

SVIZZERA
11 ore

Le coltivazioni di tabacco sono sempre più rare

Attualmente il tabacco in Svizzera cresce su un'area complessiva di 398 ettari, principalmente nei cantoni di Vaud e Friborgo

SVIZZERA
12 ore

Nuove crepe sugli F/A-18

"L'inconveniente" è stato riscontrato in quindici cerniere degli undici dei 30 caccia finora esaminati. Tuttavia, gli aerei sono sempre disponibili per il servizio di polizia aerea

FOTO
SAN GALLO
15 ore

Basta un solo attimo sulla strada e la Corvette non c'è più

L’uomo al volante ha riportato lievi ferite, mentre per la passeggera è intervenuta la Rega. I pompieri hanno dovuto liberarli dalle lamiere

GERMANIA/SVIZZERA
1 gior

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

SAN GALLO / TURGOVIA
1 gior

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
1 gior

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
1 gior

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
1 gior

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
1 gior

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile