Keystone
SVIZZERA
12.12.18 - 16:230

PPD: «Tutte le religioni devono rispettare lo Stato di diritto»

Il partito sostiene che è necessario avviare un vasto dibattito sui valori della nostra società, ispirati alla tradizione giudeo-cristiana

BERNA - Il PPD rispetta tutte le religioni e le culture, ma ritiene che esse debbano aderire ai principi fondamentali della nostra società, definiti nella Costituzione svizzera e nell'ordinamento giuridico. Questo implica che non si può invocare la fede per coprirsi il volto in pubblico, giustificare i matrimoni forzati o accettare la presenza predicatori che inneggiano alla violenza.

In un documento di posizione su "Stato di diritti e fondamentalismo", pubblicato oggi, il partito sostiene che è necessario avviare un vasto dibattito sui valori della nostra società, ispirati alla tradizione giudeo-cristiana. Il partito considera la strumentalizzazione politica dei movimenti religiosi come una minaccia per l'ordine giuridico svizzero e la coesistenza pacifica delle varie culture.

La libertà religiosa non può essere evocata per reclamare diritti contrari alla Convenzione europea dei diritti umani (CEDU) e allo Stato di diritto, spiega il PPD. "La fede è una questione privata, ma Stato e religione devono essere separati. Noi riteniamo che la legge religiosa debba quindi essere chiaramente subordinata allo stato di diritto", si legge nel documento.

In chiaro questo significa il rifiuto della sharia e del matrimonio con minorenni, anche se questo viene concluso in paesi in cui è consentito. Il PPD ha pure ribadito la sua ferma opposizione ai matrimoni forzati e chiede di scongiurare l'insorgere di "società parallele" con misure di integrazione mirate.

L'entrata in Svizzera, gli interventi pubblici e le visite temporanee di predicatori che inneggiano all'odio devono essere vietati preventivamente. Le comunità religiose, dal canton loro, devono impegnarsi a combattere la radicalizzazione dei loro membri. Per questo è importante che "siano trasparenti, organizzate nel rispetto dello stato di diritto e che abbiano persone di contatto chiaramente identificabili per le autorità", scrive il PPD. La maggioranza del partito rifiuta un eventuale riconoscimento delle organizzazioni musulmane e la formazione di imam in Svizzera. A suo avviso, spetta ai cantoni decidere in merito.

Il partito di Gerhard Pfister si oppone alle norme vestimentarie discriminatorie perché ostacolano l'integrazione. Non deve quindi essere consentito coprire il volto in spazi pubblici, per motivi sia di sicurezza che sociali. Quanto al foulard nelle scuole, il partito svizzero lascia alle sezioni cantonali la libertà di decidere tenendo conto delle particolarità locali.

Le donne e le ragazze hanno un ruolo fondamentale nell'integrazione dei migranti e devono quindi beneficiare di programmi di formazione e inserimento nel mercato del lavoro. "Dobbiamo spiegare quali sono i loro diritti", "il principio di uguaglianza deve essere applicato a tutte le donne e le ragazze in Svizzera", precisa il documento.

"Uguaglianza dei diritti, libertà, responsabilità individuale, solidarietà e tolleranza": sono questi concetti che guidano l'azione del PPD e che devono essere rispettati da tutti coloro che vivono in Svizzera, conclude lo scritto. Il partito chiederà al Consiglio federale, tramite un postulato, di studiare misure atte a integrare le diverse culture basandosi su questi principi.

TOP NEWS Svizzera
RUSSIA / SVIZZERA
36 min
Navalny punta il dito contro il Ministero pubblico della Confederazione
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
45 min
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
56 min
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
10 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
14 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
17 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile