Keystone
SVIZZERA
12.11.18 - 18:220

Il Patto ONU sulla migrazione al Parlamento

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati ha votato. Il Patto non dovrebbe quindi essere approvato dal Consiglio federale, ma dal Parlamento

BERNA - La discussione sul Patto delle Nazioni Unite in materia di migrazione continua. Una commissione del Consiglio degli Stati vuole incaricare il Consiglio federale di sottoporre la proposta all'approvazione del Parlamento.

Con 6 voti contro 5, la Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati (CPE-S) ha seguito le due commissioni delle istituzioni politiche delle Camere federali. Il Patto non dovrebbe quindi essere approvato dal Consiglio federale, ma dal Parlamento, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Alcuni membri della commissione temono che la firma del patto possa costituire un precedente, poiché il testo contiene rivendicazioni incompatibili col diritto svizzero. La minoranza ritiene invece che la competenza spetti al Consiglio federale e che il patto costituisca una prima tappa non vincolante. Le sfide poste dalle migrazioni possono essere risolte solo a livello internazionale, hanno affermato.

La CPE-S ha inoltre adottato all'unanimità un postulato secondo cui il Consiglio federale dovrebbe riferire entro sei mesi sul ruolo crescente delle "soft laws" nelle relazioni internazionali. Si tratterebbe di decidere se la legge sul parlamento debba essere modificata. Le "soft law" sono norme politicamente vincolanti ma non giuridicamente.

A Marrakech

Dopo un'analisi dettagliata, il 10 ottobre il Consiglio federale ha annunciato che avrebbe firmato il Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione. Il documento sarà approvato formalmente alla conferenza internazionale che si terrà a Marrakech il 10 e 11 dicembre.

Non vi è unanimità di opinioni in Parlamento. Con 14 voti contro 10, la Commissione per la politica estera del Nazionale invita il Consiglio federale a firmare il patto e, con 14 voti contro 11, si oppone alla mozione affinché il Parlamento sia invece competente per l'approvazione al posto del governo.

La fronda contro il testo è stata lanciata dall'UDC. Il partito lo ritiene incompatibile con la gestione indipendente dell'immigrazione. Secondo i democentristi, è solo questione di tempo prima che il patto diventi parte del diritto internazionale e abbia quindi la precedenza sulla Costituzione federale.

TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO / VAUD
1 ora

La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva

Due persone che navigavano sul Lago di Neuchâtel se la sono vista brutta ieri sera a causa di una forte raffica di vento

VAUD
2 ore

La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti

Circa 200 attivisti del movimento Extinction Rébellion stanno bloccando da questa mattina il ponte Bessières, nel centro di Losanna

FOTO
BERNA
2 ore

L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico

Il rompighiaccio di ricerca tedesco "Polarstern" partirà stasera da Tromsø, in Norvegia, e passerà un anno alla deriva

SVIZZERA
2 ore

UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato

Attivo presso Credit Suisse dal 2013, Iqbal Khan dal primo ottobre passerà a UBS. La polizia zurighese avrebbe arrestato diverse persone

NEUCHÂTEL
3 ore

Trovato un cadavere vicino ad una scuola

La causa della morte sarebbe da attribuire ad una caduta. La vittima era un uomo, tra i 20 e i 30 anni, residente nella regione

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile