Keystone
SVIZZERA
21.12.17 - 08:290
Aggiornamento : 12:08

Aperto un ufficio umanitario in Siria

«Abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco», ha affermato Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario

BERNA - La Confederazione ha aperto un ufficio umanitario in Siria per migliorare l'accesso agli aiuti per le persone in difficoltà e per accompagnare più efficacemente i progetti sul posto. In questo modo, la Svizzera ha "finalmente occhi e orecchie" a Damasco.

Finora l'aiuto umanitario destinato alla popolazione in situazione di emergenza era fornito principalmente attraverso le rappresentanze svizzere presenti nei Paesi vicini, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). L'impegno nel contesto della crisi siriana è attualmente la più vasta operazione umanitaria condotta dalla Svizzera.

La nota del Dipartimento conferma quindi le affermazioni rilasciate alla radio svizzero-tedesca SRF da Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario: "abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco", ha detto, precisando che l'ufficio ha aperto tre settimane fa.

La situazione in Siria rimane drammatica e oggi più che mai il sostegno da parte della comunità internazionale è importante, "soprattutto nel Ghuta orientale nei pressi di Damasco", regione nella quale la popolazione soffre della mancanza di cibo e del bisogno di urgenti cure mediche.

Con un ufficio umanitario a Damasco guidato dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), la Svizzera potrà aumentare la propria presenza nella regione, intensificare il dialogo per garantire l'accesso dell'aiuto umanitario alla popolazione, intervenire più incisivamente e accompagnare con maggiore efficacia i progetti sul posto.

L'ufficio sosterrà sia organizzazioni internazionali che locali. Uno degli obiettivi è ad esempio la ricostruzione di ospedali, ha precisato Bessler.

Il conflitto, in corso da sette anni, ha scatenato una delle peggiori emergenze a livello mondiale. La vita di quasi 18 milioni di persone, di cui 13 milioni nel Paese, dipende dall'aiuto umanitario. Dal 2011 la Svizzera ha versato oltre 315 milioni di franchi per sostenere la popolazione colpita dalla guerra.

L'idea di riaprire un ufficio a Damasco circolava già da tempo: l'allora consigliere federale Didier Burkhalter aveva sottolineato lo scorso maggio che si trattava di "rispondere a bisogni umanitari e unicamente umanitari", precisando che la decisione non legittima in nessun modo il regime a livello politico.

Il DFAE ricorda che l'impegno della Svizzera poggia su tre pilastri: sostegno alla popolazione in difficoltà, adozione di una soluzione politica al conflitto e, infine, rispetto e promozione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, anche attraverso la lotta contro l'impunità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
9 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
10 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
15 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
15 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
16 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
17 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
17 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
18 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
19 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile