Keystone
SVIZZERA
21.12.17 - 08:290
Aggiornamento : 12:08

Aperto un ufficio umanitario in Siria

«Abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco», ha affermato Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario

BERNA - La Confederazione ha aperto un ufficio umanitario in Siria per migliorare l'accesso agli aiuti per le persone in difficoltà e per accompagnare più efficacemente i progetti sul posto. In questo modo, la Svizzera ha "finalmente occhi e orecchie" a Damasco.

Finora l'aiuto umanitario destinato alla popolazione in situazione di emergenza era fornito principalmente attraverso le rappresentanze svizzere presenti nei Paesi vicini, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). L'impegno nel contesto della crisi siriana è attualmente la più vasta operazione umanitaria condotta dalla Svizzera.

La nota del Dipartimento conferma quindi le affermazioni rilasciate alla radio svizzero-tedesca SRF da Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario: "abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco", ha detto, precisando che l'ufficio ha aperto tre settimane fa.

La situazione in Siria rimane drammatica e oggi più che mai il sostegno da parte della comunità internazionale è importante, "soprattutto nel Ghuta orientale nei pressi di Damasco", regione nella quale la popolazione soffre della mancanza di cibo e del bisogno di urgenti cure mediche.

Con un ufficio umanitario a Damasco guidato dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), la Svizzera potrà aumentare la propria presenza nella regione, intensificare il dialogo per garantire l'accesso dell'aiuto umanitario alla popolazione, intervenire più incisivamente e accompagnare con maggiore efficacia i progetti sul posto.

L'ufficio sosterrà sia organizzazioni internazionali che locali. Uno degli obiettivi è ad esempio la ricostruzione di ospedali, ha precisato Bessler.

Il conflitto, in corso da sette anni, ha scatenato una delle peggiori emergenze a livello mondiale. La vita di quasi 18 milioni di persone, di cui 13 milioni nel Paese, dipende dall'aiuto umanitario. Dal 2011 la Svizzera ha versato oltre 315 milioni di franchi per sostenere la popolazione colpita dalla guerra.

L'idea di riaprire un ufficio a Damasco circolava già da tempo: l'allora consigliere federale Didier Burkhalter aveva sottolineato lo scorso maggio che si trattava di "rispondere a bisogni umanitari e unicamente umanitari", precisando che la decisione non legittima in nessun modo il regime a livello politico.

Il DFAE ricorda che l'impegno della Svizzera poggia su tre pilastri: sostegno alla popolazione in difficoltà, adozione di una soluzione politica al conflitto e, infine, rispetto e promozione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, anche attraverso la lotta contro l'impunità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
In cerca degli anticorpi per tornare a una vita normale
Diversi paesi (tra cui la Svizzera) intendono scoprire chi ha superato la malattia senza saperlo
SVIZZERA
9 ore
La voce fuori dal coro: «Agli anziani fa bene uscire all'aria aperta»
E dovrebbero approfittarne ogni giorno, parola dell'esperto Beat Villiger: «Fa bene al cuore e alla circolazione»
ARGOVIA
12 ore
Fuga “imbranata”, nel fiume con il Cayenne
Un 38enne ha suo malgrado dato spettacolo a Rottenschwil: denunciato
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
14 ore
Quando oltre alla frontiera ci si mette il coronavirus
Le coppie si danno appuntamento da una parta e dall'altra della ramina che separa Kreuzlingen da Costanza.
SVIZZERA
16 ore
Il Covid-19 non ferma le reclute
Il coronavirus ha infettato 100 militi, mentre altri 800 sono stati messi in quarantena
SVIZZERA
17 ore
Più di 14'000 contagi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'123 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece almeno 257
SVIZZERA
19 ore
Il virus mette in difficoltà anche Coop
Oltre mille punti vendita del Gruppo hanno dovuto abbassare le saracinesche e 13000 dipendenti sono rimasti senza lavoro
SVIZZERA/CILE
19 ore
Svizzeri rimpatriati col più lungo volo Swiss
Un Boeing 777 della compagnia è rientrato oggi da Santiago del Cile: si tratta di una rotta di quasi 12’000 chilometri
SVIZZERA
19 ore
Anche le FFS vogliono il lavoro ridotto
Meno treni, meno dipendenti al lavoro. L'ex regia federale colpita dal Covid-19
SVIZZERA
20 ore
Il ritorno alla normalità appena dopo le vacanze estive?
In Svizzera la situazione straordinaria potrebbe prolungarsi oltre il 19 aprile
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile