GRIGIONI
07.12.17 - 17:260

Il parlamento retico dovrebbero poter mettere il veto ad alcune ordinanze

È quanto chiedono due iniziative parlamentari

COIRA - Il Parlamento dovrebbe poter porre il veto ad alcune ordinanze del Governo nel caso queste si discostino dal volere originale del legislatore. È quanto chiedono due iniziative parlamentari presentate nel corso dell'ultima sessione annuale del Gran Consiglio retico che si è conclusa ieri, sottoscritte rispettivamente da 72 e 52 deputati.

Entrambe le proposte sono partite dal PLD ma sono state poi state appoggiate da un considerevole numero di deputati di diversi partiti, ad eccezione del PS.

Il veto consisterebbe nella possibilità di "impugnare" entro 30 giorni quelle ordinanze governative (o modifiche alle ordinanze) che non rispettano pienamente la volontà originale del Parlamento. Perché il veto sia valido, però, deve avere l'appoggio di almeno un terzo dei deputati.

La motivazione alla base dell'iniziativa, si legge nel testo presentato, sta nel fatto che a volte l'interpretazione del governo è troppo distante dalla volontà del legislatore. Il veto, prosegue il testo, garantisce che la competenza di legiferare rimanga al Gran Consiglio e che l'esecutivo non interferisca in tali poteri. "La presente iniziativa non vuole mettere in discussione il potere esecutivo del governo - precisa il testo - ma chiarire e rafforzare il principio della separazione dei poteri".

Nel Cantone di Soletta, conclude il testo, il diritto di veto è in vigore dal 1988 e "l'esperienza dimostra che ha principalmente un effetto preventivo ed è usato molto raramente nella pratica".

Una seconda iniziativa dello stesso tenore, firmata da 52 deputati, mira ad ridurre il margine di manovra dell'esecutivo poiché, "negli ultimi tempi, non adempie gli incarichi parlamentari così come inizialmente licenziati dal Gran Consiglio". Il governo sarà tenuto a mettere in pratica gli incarichi non più solo "seguendo delle linee guida" ma nell'ambito di "direttive di carattere vincolante".
 

TOP NEWS Svizzera
CITTÀ DEL VATICANO
2 ore
Vent'anni al servizio del Papa tra disciplina, turni e rinunce
Vent'anni a proteggere il Santo Padre nel periodo più tragico della Chiesa. Ritratto di una professione fuori dal comune
SVIZZERA
9 ore
«Ci prepariamo a dover trasferire i pazienti»
Da domani l'Hôpital du Valais alza l'allerta al livello più alto, che implica il bisogno di aiuto esterno
FRIBURGO
9 ore
Si schianta sulla chiesa con il parapendio
La Rega ha trasportato il 27enne, vittima dell'incidente, in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Terremoto di magnitudo 4,4 in Svizzera
L'epicentro è stato localizzato nel Canton Glarona
ARGOVIA
12 ore
L'assembramento per l'anniversario del centro commerciale fa discutere
In rete circolano le immagini di un evento tenuto sabato allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach: «Irresponsabili».
URI
16 ore
Frana sul Susten, il passo è bloccato fino a nuovo avviso
C'è ancora rischio di nuovi smottamenti. Al momento del crollo in loco c'era una comitiva di escursionisti
NIDVALDO
19 ore
Abbandona l'auto (distrutta) in mezzo all'autostrada e fugge
Aveva avuto un incidente e ha deciso di allontanarsi. Diverse ore dopo si è però presentato in polizia.
SVIZZERA
20 ore
Affitti commerciali: non tutti hanno sofferto
Un terzo dei commerci in locazione ha conosciuto difficoltà a causa del semiconfinamento.
SVITTO
22 ore
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
22 ore
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile