AFD
GINEVRA
12.08.21 - 14:490

Intercettato uno scambio di serpenti

Le guardie di confine hanno fermato due uomini a Ginevra che erano in possesso di diversi boa

GINEVRA - Doganieri svizzeri hanno posto in stato di fermo due uomini a Ginevra mentre si apprestavano a scambiarsi boa protetti proprio sul confine con la Francia. I due non disponevano dei necessari certificati per la detenzione dei serpenti.

Il tentato scambio tra un egiziano di 23 anni domiciliato in Svizzera e un francese di 21 anni residente nell'Esagono risale al 5 agosto, indica una nota diramata oggi dall'Amministrazione federale delle dogane (AFD). I due sono stati avvistati da una pattuglia mobile mentre trafficavano davanti alle loro auto a un posto doganale di Chancy (GE).

Il francese era in possesso di un Boa constrictor imperator e di un boa delle Isole Salomone, entrambe specie protette dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES). Nel bagagliaio dell'egiziano si trovavano due Boa constrictor imperator, due boa constrictor Crawl Cay e un pitone reale, specie pure protette. Secondo la nota, ha affermato di aver comprato i serpenti attraverso un annuncio su internet di privati in Svizzera.

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria ha ordinato la custodia dei serpenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
1 ora
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
2 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
4 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
6 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
7 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
9 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
9 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
9 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
18 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile