Deposit (archivio)
Il suo cadavere era stato rinvenuto il 5 aprile 2020 nella grotta sul Bruggerberg.
ARGOVIA
30.04.21 - 11:300
Aggiornamento : 01.05.21 - 16:16

Cadavere nella grotta, il 22enne ha confessato: «L'ho ucciso io»

Il Ministero pubblico ha pure reso noto la causa della morte del 24enne: «È morto per assideramento».

Dopo più di due anni il mistero di Brugg è quindi stato risolto. Il reo-confesso: «L'ho rinchiuso nella grotta e ho ostruito l'entrata».

AARAU - Ha confessato il 22enne svizzero arrestato alla fine di marzo in relazione alla scoperta, il 5 aprile 2020, del cadavere di un 24enne in una grotta vicino a Brugg (AG). Lo rende noto il Ministero pubblico argoviese, precisando che il 24enne sarebbe morto per assideramento.

La vittima era domiciliata nel canton Zurigo. La sua scomparsa era stata denunciata un anno prima, il 7 aprile del 2019.

Il 22enne, domiciliato a Windisch, è stato arrestato lo scorso 26 marzo, dopo che la polizia argoviese aveva riaperto il caso. Nel frattempo ha confessato di avere rinchiuso la vittima nella grotta sul Bruggerberg e di averne ostruito l'entrata. Ciò sarebbe avvenuto il giorno in cui era stata denunciata la scomparsa del 24enne.

La perizia medico-legale commissionata dal Ministero pubblico argoviese ha stabilito che il giovane è morto per assideramento. Questa conclusione è però relativizzata dalle condizioni in cui un anno più tardi è stato ritrovato il cadavere.

Il Ministero pubblico non fornisce altre informazioni sulle testimonianze dell'accusato, sulla dinamica dei fatti o sul possibile movente. Si sa soltanto che la Procura di Brugg-Zurzach ha aperto un procedimento per omicidio intenzionale, ora esteso anche a un eventuale assassinio.

L'ufficio del giudice per le misure coercitive ha intanto dato seguito alla richiesta di porre il sospettato in detenzione preventiva per almeno tre mesi. Fino a un'eventuale condanna, per il 22enne vale il principio della presunzione d'innocenza, precisa il Ministero pubblico.

Il luogo del ritrovamento è una grotta un tempo scavata dall'uomo nella pietra arenaria sul Bruggerberg, la collina che sovrasta la città di Brugg. Il 5 aprile di un anno fa, dei privati cittadini hanno liberato l'entrata ormai interrata della grotta e hanno trovato al suo interno i resti umani.

Ministero pubblico argoviese
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
31 min
Fondi del Tesoro russo: abbandonato il procedimento per riciclaggio
Il Ministero pubblico della Confederazione ha però ordinato la confisca di quattro milioni di franchi
SVIZZERA
54 min
Attenzione ai fuochi di artificio!
I consigli degli esperti in vista dei festeggiamenti del Primo Agosto
SAN GALLO
5 ore
Famiglia colpita da alcuni rami, morto un bimbo di sei mesi
Lui e la madre erano rimasti gravemente feriti ieri pomeriggio. Nella notte il piccolo è spirato.
BERNA
6 ore
Un matrimonio che disturba
Il 26 settembre la Svizzera si esprime sull'apertura alle coppie gay. Temi e tappe di un lungo percorso.
NIDVALDO
18 ore
In viaggio con un carico di 532 chili sul tetto
Il mezzo è stato fermato lungo l'autostrada A2, in territorio nidvaldese
LUCERNA
19 ore
L'Fc Lucerna denunciato per i festeggiamenti
La Coppa svizzera potrebbe costare cara ai vincitori, a causa degli assembramenti
SVIZZERA
20 ore
Vaccinati ma contagiati, cifre nella norma
L'efficacia dei preparati è dell'88%, anche con la variante Delta
SCIAFFUSA
20 ore
Il marito ha confessato
Delitto di Beringen: l'uxoricida rinchiuso in una clinica. Avrebbe ucciso la moglie con un coltello
LUCERNA
21 ore
Grandine killer: quattro cicogne morte
Altrettante sono rimaste ferite. I chicchi hanno colpito gli uccelli in testa o sulle ali, causando gravi danni.
SVIZZERA
22 ore
Boom d'iscrizioni per le formazioni sanitarie
L'interesse per le professioni infermieristiche aumenta, ma non basta per far fronte alla carenza di personale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile