Immobili
Veicoli
Deposit (archivio)
Il suo cadavere era stato rinvenuto il 5 aprile 2020 nella grotta sul Bruggerberg.
ARGOVIA
30.04.21 - 11:300
Aggiornamento : 01.05.21 - 16:16

Cadavere nella grotta, il 22enne ha confessato: «L'ho ucciso io»

Il Ministero pubblico ha pure reso noto la causa della morte del 24enne: «È morto per assideramento».

Dopo più di due anni il mistero di Brugg è quindi stato risolto. Il reo-confesso: «L'ho rinchiuso nella grotta e ho ostruito l'entrata».

AARAU - Ha confessato il 22enne svizzero arrestato alla fine di marzo in relazione alla scoperta, il 5 aprile 2020, del cadavere di un 24enne in una grotta vicino a Brugg (AG). Lo rende noto il Ministero pubblico argoviese, precisando che il 24enne sarebbe morto per assideramento.

La vittima era domiciliata nel canton Zurigo. La sua scomparsa era stata denunciata un anno prima, il 7 aprile del 2019.

Il 22enne, domiciliato a Windisch, è stato arrestato lo scorso 26 marzo, dopo che la polizia argoviese aveva riaperto il caso. Nel frattempo ha confessato di avere rinchiuso la vittima nella grotta sul Bruggerberg e di averne ostruito l'entrata. Ciò sarebbe avvenuto il giorno in cui era stata denunciata la scomparsa del 24enne.

La perizia medico-legale commissionata dal Ministero pubblico argoviese ha stabilito che il giovane è morto per assideramento. Questa conclusione è però relativizzata dalle condizioni in cui un anno più tardi è stato ritrovato il cadavere.

Il Ministero pubblico non fornisce altre informazioni sulle testimonianze dell'accusato, sulla dinamica dei fatti o sul possibile movente. Si sa soltanto che la Procura di Brugg-Zurzach ha aperto un procedimento per omicidio intenzionale, ora esteso anche a un eventuale assassinio.

L'ufficio del giudice per le misure coercitive ha intanto dato seguito alla richiesta di porre il sospettato in detenzione preventiva per almeno tre mesi. Fino a un'eventuale condanna, per il 22enne vale il principio della presunzione d'innocenza, precisa il Ministero pubblico.

Il luogo del ritrovamento è una grotta un tempo scavata dall'uomo nella pietra arenaria sul Bruggerberg, la collina che sovrasta la città di Brugg. Il 5 aprile di un anno fa, dei privati cittadini hanno liberato l'entrata ormai interrata della grotta e hanno trovato al suo interno i resti umani.

Ministero pubblico argoviese
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
5 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
7 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
9 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
9 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
11 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
11 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
12 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
SCIAFFUSA
14 ore
Si fa dare un passaggio, poi deruba l'automobilista
L'episodio si è verificato negli scorsi giorni nel Canton Sciaffusa. Identificato il ladro sedicenne
SVIZZERA
1 gior
Oggi ha fatto caldissimo
Domani pomeriggio sono attese temperature ancora più elevate, si toccheranno i 33 gradi: una novità per essere in maggio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile