Depositphotos (tepic)
È morta la donna più anziana della Svizzera, aveva 112 anni.
SVIZZERA
28.11.20 - 10:350

Si è spenta all'età di 112 anni la donna più anziana della Svizzera

«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato

ZURIGO - È morta la donna più anziana della Svizzera: Alice Schaufelberger si è spenta all'età di 112 anni in una casa di riposo a Zurigo-Seebach. Il decesso, avvenuto il 16 novembre e reso pubblico oggi dal Tages-Anzeiger, è stato confermato a Keystone-ATS dalla direzione della residenza che la ospitava.

«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato, di cui riferisce il quotidiano. Da bambina era infatti piccola e debole: uno zio le aveva raccontato che quando era bebè ci stava quasi in uno degli zoccoli di suo padre.

Nata l'11 gennaio 1908, quindi ai tempi in cui per spostarsi si prendeva ancora la carrozza, Alice Schaufelberger crebbe a Reitnau, nel canton Argovia. Il padre morì presto e la madre - con tre figli a carico - si trovò a lavorare come tessitrice. A tirala fuori dal letto la mattina e a provvedere che si vestisse ci pensava il fratello. L'acqua veniva presa alla fontana del vicino. La cioccolata c'era solo a Natale: «Riceverla era meraviglioso, ma nel contempo triste, perché ci ricordava tutto quello che non avevamo», ha ricordato di recente.

Alice seguì poi un apprendistato come venditrice e lavorò a lungo a Zurigo, città che all'inizio le fece paura, tanto era movimentata. Si sposò dopo la seconda guerra mondiale. Nei 35 anni di matrimonio, prima del decesso del marito, non ha avuto figli: ma spesso curava i bambini di altri. Vent'anni or sono era entrata in casa per anziani: stando alla direzione a volte dimenticava il giorno della settimana, ma era comunque sempre in forma a livello mentale. Leggeva la Bibbia con una lente d'ingrandimento.

Un paio di anni fa aveva detto che piano piano ne aveva abbastanza della vita: non aveva più né desideri, né timori, né sogni. L'unica cosa di cui aveva bisogno, aveva spiegato, era la pazienza: pazienza di aspettare che la vita, prima o poi, scivolasse via.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
3 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
4 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
5 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
9 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
11 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
12 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
13 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
14 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
18 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile