Immobili
Veicoli
Keystone
BERNA
20.05.20 - 18:400
Aggiornamento : 20:01

Caso Lauber, la commissione decide di avviare un procedimento di destituzione

Lo ha dichiarato il consigliere agli Stati Andrea Caroni. Si tratta di una prima assoluta in Svizzera

BERNA - La Commissione giudiziaria dell'Assemblea federale ha deciso di avviare un procedimento di destituzione contro il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber sulla base di un sospetto fondato di violazione grave dei doveri d'ufficio. Si tratta di una prima assoluta in Svizzera.

Lo ha dichiarato questa sera ai media il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR). L'avvio della procedura di destituzione del procuratore generale è stata decisa - per 13 voti a 4 - al termine dell'audizione odierna di Lauber, durata un paio d'ore. Il diretto interessato uscendo dal colloqui aveva sostenuto che l'incontro era «andato bene».

Secondo la Legge federale sull'organizzazione delle autorità penali della Confederazione, è possibile destituire un membro del Ministero pubblico della Confederazione (MPC), prima della scadenza del suo mandato, se esso ha violato gravemente i suoi doveri d'ufficio intenzionalmente o per negligenza grave, oppure se ha durevolmente perso la capacità di esercitare il suo ufficio. Secondo Caroni, entrambe le condizioni sono soddisfatte.

Audizione in due parti - L'audizione a Lauber si è svolta in due parti: la prima dedicata alle mancanze di cui il procuratore generale si è reso colpevole sia prima, sia durante il procedimento disciplinare aperto lo scorso maggio da parte dell'Autorità di vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

Lo scorso marzo quest'ultima ha concluso che il magistrato ha infranto diversi doveri d'ufficio: ha ripetutamente detto il falso, ha agito in modo sleale e ha violato il codice di condotta dell'MPC in modo «gravemente negligente».

Lauber ha deciso di fare ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF), accusando - tra le altre cose - di parzialità l'Autorità di vigilanza.

Una minoranza della Commissione giudiziaria era dell'opinione che prima di decidere in merito all'apertura di un procedimento si sarebbe dovuto attendere la sentenza del TAF.

Inoltre, nella seconda parte dell'audizione, la commissione ha ascoltato Lauber sui dati resi pubblici dopo lo scorso 2 marzo, «in particolare sulle rilevazioni concernenti altri presunti contatti tra la FIFA e gli inquirenti federali, la pubblicazione di uno scambio di e-mail sulle intenzioni di Gianni Infantino nella primavera 2016 e la prescrizione - avvenuta lo scorso 27 aprile - del primo processo FIFA», si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Forse al voto l'Assemblea federale - Se la Commissione, al termine del procedimento, constaterà che Lauber ha effettivamente violato gravemente, in modo intenzionale o per negligenza grave, i suoi doveri d'ufficio, essa trasmetterà una proposta di destituzione all'Assemblea federale.

Il Parlamento dovrà poi decidere in merito. In caso contrario il procedimento sarà abbandonato. È tuttavia improbabile che le due Camere si esprimeranno già nel corso della Sessione estiva di giugno, poiché "è troppo presto", ha spiegato Caroni.

La questione di un'eventuale richiesta di dimissioni da parte di Lauber non è stata presa in considerazione dalla Commissione, ha precisato Caroni rispondendo ai giornalisti a Berna. Non è infatti loro compito convincere qualcuno a dimettersi, ha aggiunto.

Pressione politica

Diversi consiglieri nazionali e agli Stati ritengono che l'allontanamento di Lauber sia la migliore soluzione. A inizio maggio i gruppi parlamentari del PS e del centro (PPD/PEV/PBD) hanno chiesto al procuratore generale di dimettersi.

Lo scorso settembre, l'Assemblea aveva rieletto di misura Lauber a capo del MPC fino al 2023. I voti erano stati solo 129 voti sui 243 validi, poco al di sopra dei 122 necessari.

Le sue dimissioni erano già state richieste in precedenza in Parlamento e la commissione giuridica si era pronunciata contro la rielezione di Lauber.

La presa di posizione del MPC

In una breve presa di posizione inviata all'agenzia Keystone-ATS, la Procura federale ha indicato che l'avvio del procedimento nei confronti di Lauber non ha «alcuna ripercussione sulle attività operative» del MPC.

Lauber, dal canto suo, ha preso atto dell'apertura di tale procedimento, aggiungendo che continuerà ad assumere la responsabilità gestionale conferitagli dal Parlamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
1 ora
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
3 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
7 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
7 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
7 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
8 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
9 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
10 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
10 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile