keystone
BERNA
12.02.20 - 16:160
Aggiornamento : 17:53

Crypto: la procura federale non si muove. E sparisce un dossier

Il Ministero pubblico della Confederazione, intanto, fa sapere che si procederà a verifiche in caso di fatti penalmente rilevanti

BERNA - La Procura federale fa sapere che almeno per il momento non si occupa del caso di spionaggio praticato dagli Stati Uniti con apparecchi prodotti dall'azienda svizzera Crypto.

Contattato dall'agenzia Keystone-ATS, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) fa riferimento all'inchiesta ordinata dal Consiglio federale all'ex giudice federale Niklaus Oberholzer. Dovessero emergere fatti penalmente rilevanti le autorità procederanno alle verifiche d'uso in questi casi, sottolinea l'MPC.

Le indagini negli anni '90 - La polizia federale aveva indagato sulla Crypto già negli anni '90 ma l'inchiesta era poi stata archiviata. Jürg Bühler, che all'epoca diresse l'indagine e che oggi è vicecapo del Servizio informazioni della Confederazione (SIC), ha indicato a SRF che gli atti sono ancora segreti. «Vi si trovano ancora molti dati personali da proteggere», ha spiegato. Vi sono segnalazioni di servizi stranieri e protocolli di commissioni parlamentari che oggi non possono ancora essere resi pubblici.

Un dossier relativo all'inchiesta sul caso Crypto manca poi completamente: il SIC è venuto a conoscenza della cosa solo di recente, ha detto Bühler. I funzionari deplorano quanto accaduto e sperano che i documenti tornino alla luce, magari perché sono stati iscritti in modo errato negli archivi federali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
12 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
12 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
15 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
18 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
18 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
18 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
18 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
19 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
21 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile