Keystone
BERNA
22.12.19 - 13:030

Pilatus, la procura federale archivia la denuncia del DFAE

Secondo il Dipartimento federale degli affari esteri l'azienda non aveva annunciato i servizi che forniva all'Arabia Saudita

di Redazione
ats

BERNA - Il ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha archiviato una denuncia presentata contro Pilatus da parte del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), che criticava l'attività del costruttore aeronautico nidvaldese in Arabia Saudita. Lo ha indicato la stessa procura federale a Keystone-ATS confermando una notizia pubblicata oggi dalla NZZ am Sonntag.

Secondo il DFAE l'impresa di Stans (NW) avrebbe violato la legge federale sulle prestazioni di sicurezza private fornite all'estero, entrata in vigore nel 2015. Questo perché non aveva annunciato allo stesso dipartimento i servizi - manutenzione di addestratori militari PC-21, sostegno tecnico, ecc - che forniva allo stato arabo, impegnato fra l'altro nella guerra in Yemen.

L'MPC ha però pronunciato una decisione di non luogo a procedere, che risale al 18 novembre e che nel frattempo è passata in giudicato. Nell'ambito del procedimento, il costruttore aereo ha ricordato che la Segreteria di stato dell'economia (Seco) nel settembre 2016 aveva prolungato l'autorizzazione di esportare prodotti. Seco e DFAE erano perfettamente al corrente della situazione, argomentava Pilatus, secondo cui non si poteva quindi parlare di una violazione dell'obbligo di annuncio.

Oltre a denunciare l'impresa, il dipartimento di Ignazio Cassis in giugno aveva ordinato all'azienda di ritirare il suo personale dall'Arabia Saudita: un provvedimento contro il quale Pilatus aveva fatto ricorso e a cui era stato concesso l'effetto sospensivo, in settembre, da parte del Tribunale amministrativo federale (TAF).
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
53 min
Imprese responsabili e materiale bellico: e voi come voterete?
Il prossimo 29 novembre saremo chiamati alle urne. Partecipate al secondo sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
7 ore
Alberghi: «Servono 500 milioni per i casi di rigore»
HotellerieSuisse chiede di potenziare il sostegno al settore alla luce delle nuove limitazioni
BERNA
8 ore
Test in 15 minuti: ecco come funziona
Sarà possibile usufruirne dal 2 novembre, ma solo da parte di determinate categorie.
SVIZZERA
11 ore
Provvedimenti contro il coronavirus: «Un passo inevitabile»
I partiti politici sono generalmente soddisfatti per le decisioni prese oggi dal Governo.
SONDAGGIO
SVIZZERA
11 ore
In quarantena... senza contatti con un malato (a causa di Swisscovid)
È la storia di una donna che ha ricevuto un'allerta dall'app. Ma lei quel giorno non era nemmeno uscita di casa
BERNA
14 ore
Già pronte le misure per ridurre l’impatto economico della pandemia
Il Consiglio federale ha adottato una modifica dell’ordinanza "COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione"
SVIZZERA
14 ore
«Provvedimenti difficili, ma indispensabili»
Il Consiglio federale ha presentato le nuove misure decise per contenere la diffusione del coronavirus in Svizzera.
SVIZZERA
14 ore
Crescono gli avvelenamenti da paracetamolo
Fenomeno dovuto alla disponibilità di pastiglie con dosaggio più elevato, secondo ricercatori del Politecnico di Zurigo
BERNA
15 ore
Nuove misure anti-covid non prima delle 16:15
La seduta del Consiglio federale si sta prolungando più del previsto.
ZURIGO
15 ore
Il franco resta un bene rifugio, ma con il Covid vince la corona svedese
La moneta coniata a Stoccolma si è rafforzata del 3,8% nei confronti del franco dallo scorso 20 febbraio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile