Keystone (archivio)
LUCERNA
02.12.19 - 20:430

Il radar invisibile fa una “strage”: pizzicate oltre 5000 auto

Il dispositivo ad infrarossi è stato testato dalla polizia lucernese. E le critiche non si sono fatte attendere

di Redazione
MME/SR

LUCERNA - Le cifre confermano la preoccupazione degli abitanti: sulla strada che collega i comuni di Pfaffnau e Altbüron, nel canton Lucerna, ci sono troppi automobilisti con il piede particolarmente pesante. I cittadini hanno segnalato il problema alla polizia, che ha risposto piazzando sul tratto stradale un radar. Non uno di quelli classici, che emettono il caratteristico flash, ma un modello ad infrarossi, quindi praticamente invisibile per chi si trova al volante.

Le cifre - come riferito dall’emittente locale Tele1 - sono eloquenti: sulle circa 22’000 vetture che hanno percorso il tratto, ben 5’147 (ovvero circa il 23% del totale) si sono fatte pizzicare dal radar, avendo superato il limite degli 80 chilometri orari. E le critiche al dispositivo non si sono fatte attendere.

Prevenzione e sanzioni - «Questo radar non persegue quello che dovrebbe essere l’obiettivo della polizia. I conducenti che superano il limite dovrebbero accorgersene subito», ha dichiarato il deputato UDC Daniel Keller, membro del consiglio d’amministrazione del TCS, che sottolinea come «il fine dei controlli deve essere la prevenzione, non il fare cassa».

Dal suo canto, la polizia lucernese difende però il proprio operato. Come spiega il portavoce Urs Wigger, i limiti in vigore sono noti e ogni persona «è responsabile della propria velocità».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
2 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
14 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
15 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
18 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
18 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
20 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
21 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
21 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile