Polizia cantonale Vaud
+ 6
VAUD
23.08.19 - 12:100
Aggiornamento : 15:29

«I furgoni portavalori erano due. Uno è riuscito a fuggire»

La polizia cantonale vodese fornisce nuovi dettagli sull'assalto di La Sarraz: «I malviventi erano armati di kalashnikov e hanno malmenato gli occupanti. Sono scappati su una Renault e una Peugeot»

LOSANNA - «I portavalori assaltati erano due. L'autista del primo è riuscito a liberare il suo furgone e a fuggire lontano dal luogo dell'imboscata». La polizia cantonale vodese - tramite una nota stampa - fornisce nuovi dettagli sull'assalto avvenuto questa notte - verso le 3.10 - a La Sarraz, precisando pure che i «malviventi sono sempre in fuga».

Meno bene è invece andata alle persone a bordo del secondo veicolo. I malviventi - armati da fucili tipo kalashnikov - le hanno infatti costrette ad «uscire dal mezzo con la forza» per poi «malmenarle». In seguito hanno forzato il furgone ed hanno fatto man bassa del bottino. Gli aggressori hanno infine dato fuoco alle due Audi utilizzate per bloccare il furgone portavalori e sono fuggiti a bordo di una Renault e di una Peugeot. Questi ultimi due veicoli sono stati ritrovati bruciati tra Daillens e Penthaz, sempre nel canton Vaud. È stato lanciato un appello a testimoni.

Il personale di sicurezza a bordo del furgone sfuggito all'agguato ha ricevuto sostegno psicologico, mentre le persone del primo furgone, che sono state picchiate dai rapinatori, hanno ricevuto cure mediche.

Non è la prima volta - Sembrerebbe quindi un episodio analogo a quello verificatosi alla fine di giugno sempre nel canton Vaud, a Mont-sur-Lausanne. In quell'occasione un numero imprecisato di rapinatori aveva attaccato un furgone appartenente a una società privata specializzata nel trasporto di denaro. I due uomini a bordo erano stati fatti scendere sotto la minaccia delle armi, uno dei due aveva riportato leggere ferite alla testa. Gli assalitori erano riusciti a forzare il portellone posteriore e a impadronirsi di una quantità imprecisata di denaro. Avevano poi incendiato il mezzo, e anche i veicoli utilizzati nell'attacco, ed erano fuggiti facendo perdere le tracce.

Si muove anche la politica - Le vicende hanno risvolti anche a livello di politica federale. I corrieri portavalori chiedono da tempo di poter utilizzare di notte furgoni più pesanti e meglio protetti. La settimana scorsa il Consiglio federale ha consigliato di respingere una mozione in questo senso presentata dal consigliere nazionale vodese Olivier Feller (PLR). Quest'ultimo invitava il governo a modificare l'ordinanza sulle norme della circolazione stradale (ONC) per autorizzare gli autoveicoli di peso superiore a 3,5 tonnellate adibiti al trasporto di denaro a circolare di notte. Secondo l'esecutivo, veicoli più robusti farebbero troppo rumore. Il Nazionale non ha ancora trattato il dossier.

Polizia cantonale Vaud
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
6 ore
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
6 ore
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
9 ore
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
FRIBURGO
11 ore
Contro un palo con la slitta, finisce in ospedale
È accaduto a Schwarzsee. La donna ha subito gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale
SONDAGGIO
SVIZZERA
12 ore
Macché data di scadenza? Lidl introduce l'etichetta "Spesso buono oltre"
Accompagnerà la dicitura "Da consumare preferibilmente entro", che non è una data di scadenza
APPENZELLO ESTERNO
12 ore
Centauro sfreccia a 147 km/h in una zona 80
Multa salatissima, ritiro patente e denuncia per un 54enne pizzicato da un controllo di velocità
FOTO
VALLESE
1 gior
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
1 gior
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
1 gior
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
SVIZZERA/KENYA
1 gior
Due arresti per lo stupro e l'omicidio della missionaria svizzera
La 74enne viveva sola ed era stata aggredita per una rapina, le autorità keniane a caccia di una terza persona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile