Keystone
Spreitenbach, teatro dell'ormai penultimo dramma
SVIZZERA
31.05.19 - 15:400

Dramma a Zurigo, ecco alcuni dei tristi precedenti in Svizzera

Spreitenbach, Rupperswil, Daillon. Sono solo alcune delle località che nell'immaginario collettivo vengono ormai accostate alla cronaca nera

BERNA - Diverse sparatorie legate a conflitti sul lavoro o a drammi famigliari sono avvenute negli ultimi anni in Svizzera, causando morti e feriti. Ecco alcuni dei casi registrati negli ultimi 15 anni:

16 febbraio 2018 - Un 77enne uccide a colpi di pistola prima la moglie di 55 anni e in seguito anche il nipotino in un appartamento di Spreitenbach (AG). Anche l'omicida muore, per una crisi cardiaca provocata dall'assunzione di un grande quantitativo di farmaci. I motivi del gesto non hanno potuto essere chiariti.

22 aprile 2017 - Un italiano di 54 anni accoltella a morte la sorella 52enne e il cognato di 61anni a Unterseen (BE), prima di togliersi la vita. Per l'aggressione sono stati utilizzati diversi coltelli.

13 agosto 2016 - Un 27enne svizzero cosparge di benzina una 17enne su un treno regionale a Salez (SG), dandole fuoco. In seguito accoltella una 34enne che cercava di fuggire. Muoiono entrambe. Quattro altre persone rimangono ferite. L'aggressore si ferisce a sua volta ferito con un coltello. Muore a cause di queste ferite e per via di un'esplosione dovuta alla benzina.

21 dicembre 2015 - Un 33enne uccide, tagliando loro la gola, una madre di famiglia 48enne, i suoi due figli di 13 e 19 anni e l'amica del primogenito: le quattro vittime erano riunite nell'abitazione di Rupperswil (AG) in vista del Natale. L'uomo viene arrestato a quasi sei mesi dai fatti, mentre stava preparando analoghi attacchi ai danni di famiglie con bambini fra gli 11 e i 15 anni, nei cantoni di Soletta e Berna.

15 dicembre 2015 - Una coppia di anziani viene uccisa a Laupen (BE). Le tracce di DNA trovate sul posto permettono di legare questo crimine a un altro: l'uccisione di una psicoanalista di 56 anni nel 2010 a Zurigo. Il colpevole non è ancora stato identificato.

9 maggio 2015 - a Würenlingen (AG) un 36enne che soffriva di disturbi psichici uccide i suoceri, un cognato e un loro vicino di casa per poi suicidarsi.

3 novembre 2014 - un cinquantenne portoghese domiciliato nel suo Paese uccide a Wilderswil (BE) la ex moglie di 37 anni e il suo nuovo marito per poi suicidarsi.

27 febbraio 2013 - un 42enne svizzero d'origine kosovara dipendente da 17 anni della Kronospan - una impresa per la lavorazione del legno - fa irruzione nella mensa aziendale con una pistola in pugno, uccide a bruciapelo due colleghi di lavoro e ne ferisce altri sette, due dei quali muoiono successivamente all'ospedale. Anche lo sparatore muore.

2 gennaio 2013 - Un vallesano di 33 anni uccide tre donne e ferisce due uomini a Daillon (VS). L'uomo, collezionista d'armi, voleva, a suo dire, regolare un problema famigliare.

30 aprile 2006 - Corinne Rey-Bellet, 34 anni, e suo fratello Alain, di 32, sono uccisi dal marito dell'ex campionessa di sci a Les Crosets (VS). L'uomo si suicida poco dopo con una pistola militare. La coppia si era separata pochi giorni prima del dramma.

29 marzo 2004 - Ad Escholzmatt (LU), un contadino 43enne uccide a pistolettate la moglie, il fratello, la cognata e il capo del locale dicastero degli affari sociali, per poi suicidarsi. A fare da sfondo al dramma ci sarebbero stati gravi problemi famigliari.

5 luglio 2004 - Un quadro della Banca cantonale di Zurigo (ZKB) spara a due superiori dopo un conflitto sul posto di lavoro. Dopo averli uccisi ha poi rivolto l'arma contro se stesso.

14 luglio 2004 - Un 45enne uccide la moglie di 35 anni e le due figlie di 9 e 11 in un appartamento di Lenk, nell'Oberland bernese, prima di togliersi la vita.

1 mese fa Una presa d'ostaggi termina nel sangue, tre morti nel Kreis 3
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore

L’attivista denuncia: «Mi hanno fatta spogliare senza motivo»

Gli ambientalisti avevano bloccato le entrate di Credit Suisse a Zurigo e UBS a Basilea

SONDAGGIO
SAN GALLO
8 ore

Allatta alla Migros: la sicurezza minaccia di bandirla dal supermercato

Disavventura che lascia l'amaro in bocca per una giovane mamma a Wil. Il gigante arancione: «Allattare è permesso, ci scusiamo»

FOTO
SAN GALLO
10 ore

Fuga sulla barca rubata: «I nostri clienti erano scioccati»

Viene soccorso mentre nuota nel lago, reagisce rubando l'imbarcazione, distruggendo due pedalò, una barca... e facendosi arrestare

SVIZZERA / ITALIA
11 ore

UBS ha pagato 101 milioni di euro al Fisco italiano

In giugno è stato raggiunto un accordo che ha portato all'archiviazione di un procedimento

SAN GALLO
11 ore

Trasportava biscotti, ma erano anabolizzanti

Non sempre il contenuto è quello che dice la confezione. Un 27enne austriaco è stato fermato in auto alla dogana sangallese di St. Margrethen

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile