keystone (archivio)
FRANCIA / VAUD
14.05.19 - 15:450

Rapina al portavalori: «Spettacolare operazione di polizia»

Sono quindici le persone finite in manette. Uno di loro si sarebbe gettato da una finestra al terzo piano, fratturandosi un arto

LIONE - Quindici persone sono state arrestate stamane in Francia e in Svizzera nell'ambito dell'inchiesta su una rapina milionaria avvenuta nel febbraio 2018 ai danni di un furgone portavalori nel canton Vaud. In precedenza era stata rapita la figlia di uno degli agenti di scorta.

Tredici degli arresti sono avvenuti in Francia, due in Svizzera, secondo una fonte «vicina al dossier» citata dall'agenzia di stampa francese Afp, che ha confermato una notizia apparsa sul sito internet del quotidiano "Le Parisien".

Spettacolare operazione di polizia - Secondo il giornale, che parla di una «spettacolare operazione di polizia» lanciata stamane nella regione di Lione, i sospetti hanno fra i 35 e i 45 anni e sarebbero in maggioranza noti alla polizia. Uno di loro si sarebbe gettato da una finestra al terzo piano, fratturandosi un arto.

La vicenda - Nel tardo pomeriggio dell'8 febbraio 2018, la figlia 22enne di un agente di scorta francese sarebbe stata rapita a suo dire nel proprio domicilio a Lione, dove studiava, da due finti idraulici. Dopo averla legata, costoro l'avrebbero costretta a telefonare al padre, impiegato in Svizzera dalla società per il trasporto di fondi SOS Surveillance.

Domiciliato ad Annemasse, nel dipartimento francese dell'Alta Savoia presso Ginevra, questi stava effettuando un giro con un collega alla guida di un furgone blindato pieno di soldi. L'uomo, che era diretto a Losanna, ha accettato di recarsi in un parcheggio lungo l'autostrada A1 presso Chavornay, località vodese tra il capoluogo cantonale e Yverdon-les-Bains. Lì il denaro è stato consegnato a tre uomini mascherati e armati, poi fuggiti a bordo di un Suv.

La giovane donna è stata trovata da un passante sul ciglio di una strada a Tramoyes, una ventina di chilometri a nordest di Lione, nel vicino dipartimento francese dell'Ain, e accompagnata alla gendarmeria. La ragazza, il padre e il collega di quest'ultimo sono stati trattenuti in guardina per alcuni giorni e sono poi stati rilasciati.

Bottino da capogiro - Il bottino della rapina era stato in un primo momento valutato tra i 20 e i 30 milioni di franchi, per essere poi successivamente riveduto al ribasso a 10-15 milioni.

Nel luglio 2018 circa 2,4 milioni di franchi frutto della rapina sono stati ritrovati alla periferia di Lione nella cantina di un uomo di 44 anni che è stato poi incriminato per ricettazione e incarcerato. Egli ha dichiarato - secondo quanto allora riferito sempre da "Le Parisien" - di aver nascosto i soldi su richiesta di un'altra persona.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / KENYA
1 ora
Violentata e strangolata nella sua casa keniota
La 74enne svizzera viveva in compagnia dei suoi gatti ed era una missionaria. Arrestato un sospetto
SVIZZERA
3 ore
Influenza, il peggio è passato
L'Ufficio federale di sanità pubblica precisa che il picco dell'epidemia è superato sebbene i casi siano ancora numerosi
SONDAGGIO
ZURIGO
5 ore
Trovano una fortuna, ma decidono di restituirla
Nascosti fra dei cuscini che appartenevano a una donna da poco deceduta c'erano 20mila franchi. La figlia: «Sono commossa»
SVIZZERA
5 ore
Nuovo malfunzionamento per Swisscom
Soprattutto a nord delle Alpi si sono registrati problemi nell'accesso a internet e nelle rete mobile. È il terzo disguido in un mese
ARGOVIA
6 ore
In contromano in autostrada, tragedia sfiorata
Al volante c'era un 86enne. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, ma si tratta dell'ennesimo caso che coinvolge un anziano
FOTO
ARGOVIA
7 ore
Quella bomba sull'aereo Swissair che sconvolse la Svizzera
Sono passati (quasi) cinquant'anni dal più grave atto terroristico verificatosi nel nostro Paese. Nell'esplosione di Würenlingen morirono 47 persone
BASILEA CITTÀ
7 ore
All'aeroporto l'auto te la parcheggia un robot
I conducenti lasceranno la vettura in un apposito box, dove sarà presa in consegna da un carrello elevatore autonomo
SVIZZERA/CINA
8 ore
Le fabbriche cinesi di Sulzer hanno ripreso il lavoro
Al momento è attivo il 73% dei dipendenti e le capacità produttive sono sfruttate solo al 40%
ZURIGO
11 ore
Gli svizzeri dicono "no" ai voli a corto raggio. Ma non i ricchi
Chi guadagna oltre 8mila franchi al mese non vuole rinunciare alla comodità di prendere l’aereo anche per brevi spostamenti
LUCERNA
17 ore
Tanti reati da riempire una pagina A4. Centauro condannato
Un 26enne si è reso protagonista di una sfilza di crimini da far impallidire. Quasi tutti in sella a una motocicletta
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile