screenshot Tele M1
URI
13.04.19 - 18:210
Aggiornamento : 20:15

Sopravvissuto alla valanga: «Ero davvero vicino a morire»

Martedì, in una valle sopra a Göschenen, un addetto alla pulizia stradale è stato sorpreso da una slavina. È rimasto intrappolato per un'ora e mezza, ma alla fine è stato tratto in salvo

GÖSCHENEN - Sono stati senza dubbio i 90 minuti più lunghi della sua vita. Martedì attorno a mezzogiorno, con un collega di lavoro, Karl Mattli stava sgomberando dalla neve la strada che porta a Göscheneralp (UR) quando è stato sorpreso da una valanga. Intervistato da Tele M1, racconta: «Sono rimasto bloccato sotto circa due metri e mezzo di neve bagnata».

L'urano spiega di essere sopravvissuto grazie a una riserva d'aria che ha potuto scavare nella neve.

Soccorsi rapidamente sul posto - «La prima mezzora è passata relativamente velocemente. Ma poi i miei vestiti hanno iniziato ad inzupparsi e i miei pensieri sono diventati più cupi», ricorda. «Ho cominciato a pensare alla mia famiglia e al fatto che non l'avrei più rivista».

Fortunatamente, il suo collega Christian Näf è sfuggito per poco alla slavina e ha potuto allertare i soccorsi, i quali sono arrivati ​​rapidamente sul posto con un elicottero e diversi cani specializzati.

Dimesso il giorno stesso - Alla fine è stato il cane Nora che, dopo un'ora e mezza, ha trovato Karl Mattli. Miracolosamente, se l'è cavata senza nemmeno una frattura. Dopo essere stato portato in ospedale in stato di ipotermia, ha potuto far rientro a casa il giorno stesso. E anche se alla fine tutto è andato per il meglio, l'uomo ancora fatica a prendere sonno: «Ero più vicino alla morte che alla vita». 

 

screenshot Tele M1
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile