keystone (archivio)
Le due studentesse sono state uccise nella notte tra il 16 e il 17 dicembre
MAROCCO / GINEVRA
12.04.19 - 14:490
Aggiornamento : 17:48

Scandinave uccise: 10 anni di carcere al ginevrino

Il 33enne è stato condannato in Marocco sia per l'omicidio che per la sua partecipazione a un'associazione terroristica

RABAT - Il tribunale di Rabat ha condannato ieri a 10 anni di carcere uno dei due svizzeri arrestati per l'assassinio di due turiste scandinave in Marocco. Il 33enne ginevrino, che ha pure la nazionalità britannica, è stato riconosciuto colpevole di partecipazione ad associazione terrorista, apologia del terrorismo e mancata denuncia di crimini.

Il suo avvocato, Khalil Idrissi, che ha già annunciato un ricorso in appello, ha confermato oggi all'agenzia Keystone-ATS una notizia in tal senso dell'emittente romanda RTS.

Il 33enne, che frequentava assiduamente la moschea di Petit-Saconnex (GE), conosce l'altro svizzero binazionale (ispano-svizzero) convertitosi e arrestato in Marocco nell'ambito delle stesse indagini. Il caso riguarda l'assassinio di due studentesse, una danese di 24 anni e una norvegese di 28, uccise e decapitate in una località isolata dell'Alto Atlante, in una zona apprezzata dagli escursionisti.

L'elvetico-britannico - precisa il legale - ammette di aver conosciuto volontari partiti da Ginevra per combattere in Siria, ma afferma di non avere relazioni con gli islamisti responsabili dell'efferato delitto. Ed è su questa base che è stata stabilita la sua colpevolezza. L'avvocato denuncia quindi una sentenza «scioccante», «inaccettabile» e «non argomentata». In particolare, egli fa notare che l'unico elemento addotto dall'accusa è un rapporto di polizia scritto in arabo, una lingua che il suo cliente, tecnico in pubblicità informatica, non parla.

Secondo Khalil Idrissi, l'anglo-svizzero è stato giudicato colpevole in una vicenda che non ha alcun legame diretto con il duplice omicidio. Oltre agli scambi «espliciti» con persone sospettate di avere contatti in Siria, il suo cliente è stato arrestato per aver ricevuto una e-mail dall'ispano-svizzero.

Dal canto loro le autorità marocchine hanno fatto sapere che un solo cittadino svizzero è implicato nel caso dell'assassinio delle due studentesse.

Per questa vicenda la polizia marocchina ha arrestato una ventina di persone, che sono già tutte comparse davanti a un giudice istruttore. I principali sospettati sono quattro e apparterrebbero a una cellula che si ispirava all'ideologia dell'Isis, ma che non avrebbe avuto contatti diretti con i quadri dell'organizzazione islamista in Siria o in Iraq. Fra di loro figura il presunto capo della «cellula terroristica», un mercante ambulante di 25 anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«La manifestazione? Un casino, dovevano multarli tutti»
Divide l'opinione politica il corteo di questo lunedì a Zurigo fra condanne e chi vorrebbe assembramenti più numerosi
SVIZZERA
3 ore
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
3 ore
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flims il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
SVIZZERA / FRANCIA
4 ore
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
EUROPA / SVIZZERA
5 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
5 ore
La spesa in Italia? Domani non cambia niente
La Svizzera mantiene le limitazioni in entrata «fino a nuovo avviso». Ecco le decisioni del governo federale
SVIZZERA
8 ore
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
8 ore
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
8 ore
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
SVIZZERA
8 ore
Boccata d'ossigeno: Indice PMI in ripresa
I responsabili degli acquisti possono guardare al futuro con più ottimismo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile