20minuten
Dopo la morte del compagno, nel 1999, la situazione è precipitata
BASILEA CITTÀ
03.04.19 - 21:540
Aggiornamento : 04.04.19 - 07:16

Al telefono dopo l'accoltellamento: «In qualche modo dovevo farmi sentire»

Una vita turbolenta quella della 75enne: dai problemi con la giustizia ai debiti fino all'ennesimo sfratto

BASILEA - A due settimane dal terribile delitto di Basilea, nel quale ha perso la vita il piccolo Ilias, restano oscuri i contorni di questa vicenda. Non è ancora chiaro soprattutto il perché dell'agire della 75enne A.F.*, autrice dell'accoltellato del bambino.

Un carattere turbolento - Indizi sul movente potrebbe fornirli la storia della pensionata che - come dimostrano le ricerche effettuate da 20 Minuten - ha un trascorso con le forze dell'ordine abbastanza movimentato. Da decenni, infatti, la donna è nota alle autorità per il suo carattere turbolento.

I problemi con le Autorità - Assieme ad R.R.*, il compagno di sette anni più anziano, la pensionata ha vissuto in un condominio ad Allschwiler per 17 anni. Cambiata residenza, i due hanno ricevuto nel tempo diverse visite dalla polizia. Ciò è dovuto a dei conflitti con la magistratura. Il compagno della donna credeva infatti di essere vittima di un "caso di corruzione giudiziaria".

Il caso ha occupato anche le autorità federali. Nell'Archivio di Berna, la corrispondenza di R. riempie un dossier di oltre 300 pagine. La maggior parte delle lettere è stata firmata da A.F.

Il fulcro della discordia con le autorità sarebbe un sequestro di francobolli e monete, avvenuto nel 1979. La polizia si è affacciata più volte alla porta della coppia, ma R. si è sempre rifiutato di aprire. L'uomo si è barricato dietro lamentele e accuse finendo alla corte di Strasburgo.

«Se i politici falliscono, parleranno le armi», scrisse il 24 luglio 1985 in una lettera raccomandata inviata all'allora presidente del Consiglio nazionale Arnold Koller. Per anni ha denunciato un caso di corruzione giudiziaria accusando tribunali e funzionari di macchinazioni criminali per non aver risposto alle sue lamentele.

Lo sfratto e la morte del compagno - Nel 1997 la coppia è stata sfrattata dall'appartamento di Allschwil e si è trasferita in un condominio a Basilea Città. Nel marzo 1999 muore il compagno di F. Un colpo duro anche per le finanze della donna che, da quel momento, inizia ad accumulare debiti. Nel 2007 viene condannata. Ad attenderla però c'è il primo ricovero in una cllinica psichiatrica. Inizierà in quel momento la serie di trattamenti ospedalieri che la donna dovrà effettuare, forse per un disturbo paranoide della personalità.

L'ennesimo sfratto - La scorsa estate l'ennesima batosta. L'anziana deve lasciare la sua abitazione perché lo stabile deve essere riconvertito. La donna invia una lettera all'ex padrona di casa di Allschwil nella quale chiede disperatamente di poter ritornare nel suo vecchio appartamento, al più tardi il 30 giugno 2018, sostenendo di essere stata cacciata ingiustamente.

Dopo di ciò sparisce dal radar delle autorità. Finora non è chiaro dove sia stata negli ultimi mesi. Dopo l'accoltellamento, prima di consegnarsi alla polizia, aveva contattato diverse persone e istituzioni. Anche Telebasel. «Sono stata buttata fuori dal mio appartamento e non vi ho più accesso. Nessuno mi sta ascoltando. In qualche modo dovevo farmi sentire», aveva detto al telefono prima di riattaccare.

Le autorità, intanto, respingono ogni responsabilità. Il delitto, secondo loro, non era prevedibile. Al momento F. è tenuta sotto custodia e segue una terapia psichiatrica.

* Nomi noti alla redazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
La Confederazione teme attentati ai consiglieri federali
I componenti dell'esecutivo figurano tra i funzionari particolarmente minacciati. Secondo l'esperto, una scorta fissa sarà presto necessaria
BERNA
9 ore
Rapina a mano armata alla biglietteria FFS
Ladri in azione alla stazione di Burgdorf, nella capitale. È in corso una caccia all'uomo
ZURIGO
12 ore
Uomo gravemente ferito da colpi d'arma da fuoco
Il 32enne aveva chiamato la polizia dicendo di essere inseguito. Ancora da chiarire la dinamica dell'accaduto
SVIZZERA
15 ore
L'epica spedizione di Mike Horn e Børge Ousland è finita
Dopo quasi tre mesi fra i ghiacci dell'Artico, i due sono stati recuperati dalla nave Lance. Nonostante qualche gelone, sono in buona salute
ARGOVIA
15 ore
Incendi dolosi a Merenschwand: carcere preventivo per uno dei sospettati
Si tratta di un 37enne svizzero. Venerdì erano state fermate dieci persone
SVIZZERA
16 ore
«Gli standard sulla verdura dei supermercati sono irrealistici»
Lo sfogo di un coltivatore Bio che deve buttare metà delle sue patate perché “troppo grandi”, lui: «Nessuno si lamenta: hanno paura»
BERNA
19 ore
Sciare sulla Jungfrau non sarà per tutti
Le Jungfraubahnen intendono limitare l'accesso alle piste sopra a Wengen e Grindelwald. Questione di tutela ambientale e marketing
BERNA
20 ore
Iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili": «L'opuscolo contiene errori»
L'Associazione svizzera degli inquilini chiede al Consiglio federale una rettifica urgente. Si vota il 9 febbraio
SVIZZERA
21 ore
I genitori al pronto soccorso "sclerano", sicurezza rafforzata
I numeri sulle aggressioni negli ospedali sono impressionanti: in un anno 1500 al CHUV di Losanna, 1200 all'Inselspital di Berna, 900 all'ospedale di Zurigo e 5000 all'HUG di Ginevra
SVIZZERA
21 ore
Poco spazio per lavorare: i dipendenti di Swiss protestano
Sui nuovi A320 Neo la superficie a disposizione nelle cucine di bordo sarà ancora più limitata, lamentano gli assistenti di volo. La compagnia relativizza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile