Keystone
BERNA
25.02.19 - 11:130

Rapinarono un banco dei pegni, arrestati i responsabili

Il proprietario del negozio era stato gravemente ferito e abbandonato sul posto legato. Del bottino, per ora, non c'è però traccia

BERNA - La polizia bernese, al termine di lunghe indagini, ha arrestato cinque persone sospettate di aver rapinato un banco dei pegni a Berna alla fine del 2017. Il proprietario del negozio, 76 anni, era stato gravemente ferito e abbandonato sul posto legato.

L'uomo fu ritrovato solo il giorno dopo. Ha riportato danni permanenti alla sua salute, precisa un comunicato congiunto della Procura e dalla polizia cantonale. La rapina risale al 27 dicembre 2017. Uno sconosciuto entrò nel negozio e aggredì il proprietario, prima di rubare gioielli per un valore di centinaia di migliaia di franchi.

Quattro uomini di età compresa tra i 21 e i 28 anni, che secondo gli inquirenti hanno partecipato alla pianificazione del colpo, sono stati arrestati in Svizzera già nella primavera del 2018 e sono rimasti in detenzione preventiva per diversi mesi. L'identificazione e l'arresto dell'autore materiale sono invece stati più complicati perché l'uomo lasciò la Svizzera subito dopo la rapina. Sono state necessarie lunghe indagini in Svizzera e all'estero, precisa il comunicato. Il sospetto, un ucraino di 33 anni, è stato infine fermato in Germania e trasferito in Svizzera nell'autunno dello scorso anno. Il bottino non è stato ancora ritrovato. Secondo gli inquirenti, una parte dei gioielli è stata probabilmente venduta nell'area di Zurigo.

I quattro uomini che hanno contribuito all'organizzazione hanno confessato almeno in parte, mentre l'autore materiale della rapina continua a negare gli addebiti. Le indagini hanno rivelato alcuni di loro potrebbero essere responsabili di altri furti commessi a Berna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTÀ
1 ora

I neo-nazisti sono tornati in libertà e fanno paura

Il gruppo di estrema destra basilese "White Resistance" potrebbe trasformare le proprie minacce scritte sul web in realtà. Il caso è seguito pure dalle autorità federali

ZURIGO
2 ore

Coppia gay aggredita da tre adolescenti dopo lo Zürich Pride

«Com’è possibile che accadono cose simili in una delle città più sicure al mondo?», si chiede il 29enne che ha postato uno sfogo sulla sua bacheca Facebook

SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore

Quasi tutti i genitori vorrebbero lavorare part-time

Un sondaggio Swiss Life mostra che c’è voglia di dedicare più tempo alla famiglia, ma che i salari non lo permettono

SVIZZERA
5 ore

Troppi powerbank nel bagaglio aereo

Le batterie vanno trasportate in cabina, ma sono migliaia quelle che vengono ritrovate nelle valigie caricate in stiva. Anche all’aeroporto di Zurigo

SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore

Anche se insoddisfatti, molti svizzeri non cambiano lavoro

Un terzo di chi è scontento della propria occupazione resta dov'è. La consulente: «Alla lunga ciò ha della conseguenze»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report