keystone
SVIZZERA
22.02.19 - 16:010
Aggiornamento : 18:01

La Confederazione ha dovuto risarcire tre hacker

I pirati informatici hanno trascorso troppo tempo in detenzione preventiva. Sono stati risarciti, ma i 130.000 franchi stanziati potrebbero tornare alle loro vittime

BERNA - Tre hacker marocchini, condannati in Svizzera, riceveranno oltre 130.000 franchi come risarcimento dalla Confederazione. Hanno trascorso più tempo del dovuto in detenzione preventiva. A riferirlo è l'edizione odierna del Tages-Anzeiger.

I tre sono stati espulsi dalla Thailandia dopo aver rubato dati da 180mila carte di credito in 150 Paesi, tra cui la Svizzera. Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha chiesto la loro estradizione nel 2016 e i tre imputati hanno collaborato durante l'inchiesta, in cambio di una condanna a tre anni di carcere.

La procedura, estesa a tutti i paesi interessati, ha dato vita a un dossier da 400.000 pagine per un costo totale di 700.000 franchi. Per il MPC, questa procedura è servita a chiarire come affrontare questo nuovo tipo di criminali e giudicarli a nome di tutti i paesi interessati dal furto di dati.

Il tribunale penale federale, tuttavia, ha stimato che gli hacker potessero essere condannati solo per le carte delle vittime svizzere, sostenendo che la Svizzera non deve essere responsabile per le carte rubate all'estero.

La condanna si è così rivelata molto più lieve del previsto, considerato che solo una piccola parte delle carte hackerate proviene dalla Svizzera. I tre, sono stati così rilasciati, perché condannati a soli sei mesi. Per il tempo in più trascorso dietro le sbarre è stato necessario quindi stabilire un rimborso.

Calcolati 80 franchi al giorno, la somma corrisponde esattamente a 133'520 franchi. I condannati, in ogni caso, non dovrebbero beneficiarne. Le parti lese (Postfinance, Cornèr Bank e UBS) hanno provveduto a chiedere il recupero dei fondi che avevano versato ai clienti truffati. Il denaro è bloccato mentre si attende che la procedura vada a buon fine.

Uno dei tre hacker ora vive in Russia, dove cerca di ricostruirsi una vita. Gli altri due hanno interrotto i contatti con i loro avvocati svizzeri e sono spariti.

Commenti
 
LAMIA 2 mesi fa su tio
Che scopo ha questa informazione?
lo spiaggiato 2 mesi fa su tio
Ancora una volta l'MPC è dimostrato incline all'abuso del potere di carcerazione...
gmogi 2 mesi fa su tio
Mah, forse è vero che alla fine ci guadagni di più a essere disonesto :)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 min

Fisco e AVS: si profila un sì

Dai primi dati il popolo svizzero avrebbe accolto la Legge federale concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell'AVS

BERNA
LIVE

Armi: i primi risultati verso il "sì" alla revisione

Secondo una tendenza rilevata dall'istituto gfs.bern una maggioranza degli svizzeri avrebbe votato a favore della riforma

VAUD
23 min

Giocatore muore durante una partita di rugby

La vittima è un francese di 37 anni, domiciliato a Neuchâtel

SVIZZERA
35 min

«Il capo dell'esercito? Potrebbe anche essere una donna»

Lo sostiene Viola Amherd che si dichiara aperta all'idea: «Il sesso in queste cose non c'entra, dev'essere semplicemente la migliore»

LOSANNA
35 min

Una famiglia "braccata" dopo una semplice zuffa tra adolescenti

Un filmato è stato erroneamente postato sui social network e su Snapchat insieme ai dati personali di un'adolescente. Con conseguenze inaspettate

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report