tipress
BERNA
13.06.18 - 15:010

Decine di migliaia di bambini testimoni o vittime di maltrattamenti 

Nelle grandi regioni del Lemano e Zurigo vengono rilevati molti più casi pro capite di quanto succeda in Ticino

BERNA - Ogni anno in Svizzera decine di migliaia di bambini sono testimoni o vittime di violenze fisiche o psicologiche, abusi sessuali o anche di negligenze. Secondo uno studio, i giovanissimi che si rivolgono ad associazioni di sostegno sono tra 30'000 e 50'000.

Le cifre rappresentano tra il 2 e il 3,3% dei giovani in Svizzera, precisa la Fondazione UBS Optimus nel suo recente studio sui maltrattamenti dei bambini pubblicato oggi. Alcuni di questi si rivolgono per la prima volta a organizzazioni per la protezione dell'infanzia, ma vi sono anche casi ricorrenti. Solitamente a segnalare i casi sono i genitori, i pediatri o gli psicologi scolastici.

Nelle grandi regioni del Lemano e Zurigo «vengono rilevati molti più casi pro capite di quanto succeda, per esempio, in Ticino», indicano gli studiosi, precisando che ciò è dovuto a una rete di presa a carico molto più ampia.

La trascuratezza nei riguardi dei bambini (22,4%) - giudicata tuttavia bassa nel confronto internazionale - è la principale forma di maltrattamento registrata dallo studio. A seguire vi è quella fisica (20,2%) e psicologica (19,3%). I testimoni di violenza coniugale rappresentano il 18,7% delle segnalazioni, mentre il 15,2% è legato ad abusi sessuali. A seguire, in minima parte, sono altre forme di maltrattamenti, indica la fondazione.

Tre bambini su quattro presi a carico dalle organizzazioni per la protezione dell'infanzia subiscono violenza da persone provenienti dalla loro cerchia più stretta. Esclusi gli abusi sessuali, circa un maltrattamento su tre è causato da genitori. Dal rapporto emerge che nei casi di trascuratezza sono in particolare le donne a essere le principali responsabili, mentre in tutte le altre forme la causa è maggiormente una figura maschile.

Gli abusi sessuali si verificano soprattutto sulle bambine, osservano gli autori dello studio, mentre si registra una quota maggiore di fanciulli nei casi di maltrattamenti fisici o di trascuratezza.

Inoltre, dai dati emerge che generalmente i minori vittime di maltrattamenti fisici entrano in contatto con le organizzazioni dell'infanzia dopo i dieci anni. Ciò indica che in Svizzera la violenza fisica non viene rilevata oppure si identifica troppo tardi in alcuni settori dell'assistenza.

I ricercatori hanno chiesto di partecipare all'inchiesta 432 organizzazioni - su un totale di 643 fra autorità di protezione dei bambini e degli adulti, servizi sociali, sanitari e di diritto penale - ma tra queste solo l'81% ha fornito i propri dati.

Lo studio è stato effettuato tra settembre e novembre 2016. I dati sono stati poi calcolati su base annua e sul totale delle 643 organizzazioni esistenti in Svizzera. Ogni 10'000 minori si registra una media di 66 casi (in Ticino 25).

Nel periodo di riferimento, le organizzazioni interpellate hanno fornito oltre 12'500 prestazioni, affidandone circa 9'500 ad altre autorità. Estrapolando i dati su base annua, le prestazioni fornite sarebbero tra 67'000 e 111'000, indica il rapporto.

Lo studio Optimus è stato lanciato nel 2007 per raccogliere dati rappresentativi su diffusione e forme di maltrattamenti su bambini e giovani.

TOP NEWS Svizzera
VAUD
2 ore

Muore urtato da treno regionale LEB

L'anziano stava camminando fuori da un passaggio pedonale. Inutile l'intervento dei soccorsi

SVIZZERA
2 ore

I jet svizzeri scortano il governo russo per ospitalità

Per circa cinque minuti le forze aeree hanno affiancato il velivolo governativo. Ma si tratta di controlli di routine

VAUD / BASILEA CITTÀ
4 ore

Bimbo ucciso con una pugnalata, la 75enne resta in carcere

Respinto il ricorso a causa del rischio di recidiva

SVIZZERA
5 ore

Sempre più stress sul posto di lavoro: «Emotivamente esausti»

Tale fenomeno è particolarmente accentuato per i lavoratori con meno di 30 anni

SVIZZERA
6 ore

Sei in assistenza? Il tuo nome sarà pubblico

Il Parlamento discuterà la proposta il prossimo autunno. Il deputato PS Cédric Wermuth si dice contrario: lo Stato, secondo lui, deve proteggere le persone meno abbienti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile