archivio Fotolia
ZURIGO
22.08.17 - 15:550

Maltrattò i gemellini appena nati, condannato

Il Tribunale cantonale ha confermato una pena di 6 mesi da scontare più 30 sospesi con la condizionale per il padre 35enne

ZURIGO - Sei mesi di prigione da scontare e altri 30 sospesi con la condizionale per quattro anni: questa la pena confermata oggi dal Tribunale cantonale di Zurigo nei confronti di un padre 35enne che alla fine del 2014 maltrattò i gemellini di poche settimane.

In base agli elementi emersi in aula, i due genitori erano entrambi molto stanchi la notte in cui è avvenuto il fatto. Per permettere alla moglie di riposarsi, il padre prese con sé i figlioletti e per cercare di calmarli li scosse e li lasciò cadere sul lettino da un'altezza di 20-30 centimetri.

I bebè picchiarono anche la testa e a causa dei maltrattamenti riportarono ferite giudicate gravi. Furono però portati in ospedale soltanto dopo alcuni giorni. Per uno di loro, i medici non escludono possibili danni fisici o psichici irreversibili.

Una perizia psichiatrica ha diagnosticato al genitore un «disturbo della personalità combinato»: l'uomo cerca di evitare in tutti i modi possibili conflitti.

L'uomo è reo confesso e in aula si è mostrato pentito per l'accaduto, scoppiando più volte in lacrime. Il tribunale d'appello, chiamato ad esprimersi in seguito ad un ricorso della pubblica accusa (che chiedeva una condanna a 4 anni e 9 mesi da scontare), ha confermato la sentenza della prima istanza, giudicandola «equilibrata ed equa».

I quattro anni di prova fissati per la sospensione condizionale rappresentano secondo i giudici «il giusto segnale». L'uomo ha già scontato i sei mesi di carcere in detenzione preventiva e i rapporti con la moglie sono considerati buoni.

Mandarlo ancora per anni in prigione vorrebbe dire creare ancora più danni alla famiglia e agli stessi figli, ha affermato il presidente della corte. Per motivi legati alla protezione della sfera privata, il Tribunale ha peraltro vietato ai media accreditati di pubblicare qualsiasi dettaglio che possa portare all'identificazione dei bimbi.

Il Tribunale cantonale ha inoltre annullato il divieto di avvicinarsi ai figli che il tribunale delle misure coercitive aveva imposto al genitore. Ciò significa che se l'Autorità di tutela dei minorenni e degli adulti (Kesb) non deciderà altrimenti, l'uomo potrà tornare a vivere con la famiglia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Animali domestici, quanto mi costano?
Cani, gatti o cavalli: possederli richiede tempo e denaro.
GRIGIONI
7 ore
Cerca di fermare i cavalli, bimba perde parte del dito
Stava tenendo una cordicella di recinzione, quando uno degli animali ha sfondato l'ostacolo
BERNA
8 ore
Fanno esplodere un bancomat, ripresi da un cellulare
Tre esplosioni per arrivare al distributore automatico dei soldi. Due ladri per un colpo perfetto
ZURIGO
9 ore
Identificato l'uomo caduto dalla finestra di un bordello
È un giovane di 28 anni la vittima dell'incidente avvenuto venerdì mattina nel centro storico di Zurigo.
SVIZZERA
10 ore
Posto di lavoro: aumenta l'incertezza fra gli over 50
Lo conferma un sondaggio effettuato dallo specialista del settore Rundstedt
SVIZZERA
12 ore
Altri 782 casi, 26 ricoveri e 2 decessi in 72 ore
Il 3.4% dei tamponi effettuati tra venerdì e domenica è risultato positivo al Covid-19.
SVIZZERA
13 ore
L'ex tassista ai vertici della Seco
Boris Zürcher ha fatto una carriera fuori dal comune. Oggi guida la Divisione lavoro a Berna. Lo abbiamo intervistato
SVIZZERA
13 ore
Congedo paternità, per UBS sono quattro settimane
Il colosso bancario si vuole dimostrare un datore di lavoro attrattivo
VAUD
14 ore
Deraglia un treno alla stazione di Echallens
Fortunatamente non c'erano passeggeri a bordo, ma non sono mancati i disagi.
SVIZZERA
14 ore
Le donne avrebbero abbattuto i jet
Il 55% delle votanti di sesso femminile avrebbe fatto a meno dell'acquisto dei nuovi aerei militari.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile