VAUD
21.09.16 - 19:300

Banca Migros truffata 35 volte dallo stesso falsario

L'uomo, condannato a due anni con la condizionale, ha falsificato e venduto decine di documenti utilizzati per richiedere prestiti

LOSANNA - Forniva false credenziali ai propri clienti, garantendo loro la possibilità di ottenere ingenti prestiti presso la Banca Migros. Un servizio «efficace e molto richiesto» - riferisce la Tribune de Genève - che l'uomo, condannato a due anni con la condizionale per truffa e falso in documenti dal Tribunale di Losanna, fatturava 500 franchi a documento.

Sono infatti ben 35 le volte in cui, con l'ausilio del proprio pc e di uno scanner, l'uomo ha modificato certificati di salario o ripulito attestati dell'Ufficio esecuzioni, fornendo documenti assolutamente realistici con i quali i suoi "clienti" potevano presentarsi in banca per richiedere un prestito. Prestiti spesso non rimborsati, come sottolineato dalla Banca Migros che, ad oggi, lamenta ancora un ammanco di circa 900mila franchi.

L'inganno è venuto alla luce nel 2011, quando la banca, accortasi del crescente numero di debitori appartenenti alla comunità albanese della parte ovest di Losanna, è stata in grado di risalire all'autore, che ha in seguito ammesso le proprie colpe.

Le origini della vicenda risalgono al 2009, quando l'uomo fece un primo tentativo, riuscendo ad ottenere un prestito di 40mila franchi, per poi lasciarsi prendere la mano. «Era un brutto periodo, frequentavo brutte compagnie» ha affermato l'oramai ex truffatore, spiegando che i "clienti" venivano indirizzati a lui tramite un intermediario, di cui però non è stata rivelata l'identità.

L'uomo, che ha riconosciuto integralmente le proprie responsabilità e dovrà inoltre pagare una multa di 900 franchi, ha assicurato alle autorità di aver completamente cambiato vita. Una vicenda quindi conclusa per lui ma non per la Banca Migros, che dovrà ora affidarsi alla giustizia civile per riuscire a recuperare i crediti concessi.

Commenti
 
volavola 3 anni fa su tio
Reato: "Il Signore" ha falsificato dei documenti, alcuni dei quali emessi da un'istituzione pubblica. Ha truffato per 35 volte un istituto di credito lasciando uno scoperto di quasi 1 milione di franchi. Ha protetto il nome del suo complice. "Condanna": 2 anni di carcere con la condizionale = 0 giorni di carcere dopo il verdetto 900 franchi di multa (30 franchi a documento quando ne incassava 500 a documento) Una condanna così severa non solo garantirà che l'imputato non commetterà più reati in futuro ma servirà anche da monito ad altri aspiranti truffatori.
tazmaniac 3 anni fa su tio
Poi uno se commenta qualcosa è razzista ... d'altra parte, la realtà ormai supera le fantasie del più acerrimo dei membri del Ku klux klan
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@tazmaniac Non penso proprio che se si ammette che i bancaioli di questo istituto sono dei fessacchiotti si possa passare per razzisti...
GIGETTO 3 anni fa su tio
@tazmaniac Hai pienamente ragione taz ma purtroppo è così....
GIGETTO 3 anni fa su tio
Qualche controllino più approfondito prima di erogare il prestito a certa "gente" no eh? Che merli......
Meridiana 3 anni fa su tio
Quando per gli operatori in seno all'amministrazione conta solo prendere lo stipendio e sognare ad occhi aperti, complimenti..............
Claudio Trovesi 3 anni fa su fb
Funzionerà ancora ?
Max Negri 3 anni fa su fb
Ha fatto bene! Complimenti
Milan Dukanovic 3 anni fa su fb
Musti Alday attenzione man!!
Musti Alday 3 anni fa su fb
Grazie fra??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 min
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
6 min
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
2 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
3 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
4 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
4 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
20 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
21 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
23 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
23 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile