Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
29.01.22 - 14:430
Aggiornamento : 18:31

«È la fine della fase acuta, non della pandemia»

Alain Berset guarda al futuro con fiducia: «Credo che ora abbiamo una prospettiva che da molto tempo non era così buona»

Sui giovani ribatte: «Non è vero che li abbiamo dimenticati». Infine sulla pandemia ammette: «Avremmo potuto prepararci meglio, ma in quale altro paese avreste voluto vivere?»

BERNA - Dopo l'annuncio di ieri sull'imminente fine delle quarantene e del telelavoro, il consigliere federale Alain Berset ha parlato in un'intervista di «fine della fase acuta». Il ministro della sanità ha inoltre negato che i bambini siano stati dimenticati nella pandemia.

In un'intervista registrata ieri sera, ma trasmessa oggi dalla "Samstagsrudschau" della radio svizzero tedesca SRF, Berset ha precisato che l'annuncio fatto ieri ad Aarau non significa la fine della pandemia, ma piuttosto «la fine della fase acuta, in cui il Consiglio federale è dovuto intervenire così tanto». «Credo che ora abbiamo una prospettiva che da molto tempo non era così buona», ha aggiunto il consigliere federale.

Variante Omicron e scuole
L'impressione che i politici non abbiano prestato attenzione ai bambini durante questa pandemia è sbagliata: «In generale - ha ancora detto Berset - abbiamo sempre cercato di prendere una strada che incidesse il meno possibile sulla vita delle persone».

La ragione del forte aumento del numero di casi nelle scuole è la variante Omicron, altamente contagiosa: nonostante tutte le misure prese, non è stato possibile fermarla.

Per i bambini, che non sono tra le persone ad alto rischio, hanno avuto un ruolo anche altre considerazioni: «Non si è trattato solo del rischio di essere infettati, ma anche del peso psicologico sui bambini». La più grande sofferenza viene raggiunta chiudendo le scuole, che in Svizzera sono rimaste chiuse per meno tempo che in altri paesi, ha aggiunto Berset.

«Ci si poteva preparare meglio»
Nell'intervista, Berset ha inoltre ammesso che, col senno di poi, sono stati fatti degli errori: «Avremmo potuto prepararci meglio». Nel 2018 e nel 2019, nessuno aveva pensato a una pandemia così brutale. All'inizio della pandemia, c'era disorganizzazione in tutto il paese - alcune cose mancavano, altre scarseggiavano.

In una situazione di crisi in cui mancano ancora molte informazioni, è tuttavia difficile evitare di commettere errori, ha continuato Berset. Il ministro della sanità ha infine provato a tracciare un bilancio tutto sommato positivo chiedendo alla popolazione: «In quale altro paese avreste voluto vivere durante questa pandemia?»

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
9 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
11 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
12 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
13 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
16 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
16 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
19 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
20 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
21 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile