Immobili
Veicoli
keystone
L'incidente del 2019
SVIZZERA
01.12.21 - 17:280
Aggiornamento : 19:51

Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale

Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime

BRUGG - Sei anni e mezzo di reclusione per omicidio intenzionale plurimo: è la condanna del Tribunale distrettuale di Brugg (AG) per l'uomo che nel novembre 2019 causò un pauroso schianto con il suo SUV sportivo sull'autostrada A3, con un bilancio di tre morti.

Il 47enne montenegrino è stato riconosciuto responsabile anche di gravi infrazioni alle regole della circolazione. La sentenza della prima istanza, non ancora definitiva, prevede anche l'espulsione dalla Svizzera per un periodo di cinque anni una volta scontata la pena.

Il Ministero pubblico ha richiesto una condanna a sette anni di prigione. La difesa si è battuta per una riduzione a 20 mesi con la condizionale, sostenendo che si è trattato di omicidi colposi.

Arrestato per il rischio di fuga - La sentenza rischia di avere anche enormi conseguenze finanziarie per il 47enne, che sarà tenuto a pagare 380'000 franchi di riparazioni ai famigliari delle vittime. A causa del rischio di fuga, il giudice ha inoltre ordinato la carcerazione di sicurezza dell'imputato per un periodo di iniziale di tre mesi. L'uomo è stato perciò arrestato in aula e portato in carcere.

Lo schianto è avvenuto il 27 novembre 2019, intorno alle 9.15, sulla A3 verso Zurigo nel comune di Effingen (AG), davanti al portale del tunnel di Bözberg. Ignorando la segnalazione di un cantiere temporaneo e la chiusura della corsia di sorpasso, l'accusato ha accelerato la sua Porsche Cayenne arrivando raggiungere a più di 150 chilometri all'ora mentre sulla corsia di destra le auto erano incolonnate.

Intenti suicidi - La vettura sportiva ha urtato dapprima di striscio un semirimorchio ed è in seguito andata a sbattere "con grande violenza" contro una Renault Kadjar, ferma davanti ad un altro camion con rimorchio. Gli occupanti della Renault - una donna di 55 anni, il marito di 64 anni e un altro parente 42enne provenienti da Basilea Campagna - sono tutti morti nello schianto.

Testimoni hanno raccontato che la Porsche Cayenne non ha fatto alcun tentativo di frenare. Nell'auto è inoltre stata trovata una sorta di "lettera d'addio": uno sfogo lungo 21 pagine che faceva pensare che l'uomo avesse intenzione di suicidarsi, ha dichiarato il presidente della corte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
2 ore
Dal tabacco ai media: come voterete il 13 febbraio?
Manca meno di un mese al primo appuntamento alle urne del 2022. Partecipate al nostro sondaggio
ZURIGO / QATAR
8 ore
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
9 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
11 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
13 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
16 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
18 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
19 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
22 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile