Immobili
Veicoli
20min/Matthias Spicher
SVIZZERA
26.10.21 - 11:150

Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici

All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente

NEUCHÂTEL - Il Covid-19 ha ridotto di quasi un terzo la mobilità in Svizzera. L'uso dei mezzi pubblici di trasporto pubblici è addirittura dimezzato.

Nel traffico individuale motorizzato, la distanza media giornaliera percorsa è diminuita del 27%. Con una media di 3,6 chilometri al giorno, le distanze percorse sui mezzi pubblici sono invece scese del 52% rispetto all'inizio del 2020 (7,5 chilometri). Le distanze percorse a piedi e in bicicletta sono rimaste praticamente costanti.

I dati pubblicati oggi sono il risultato del Microcensimento mobilità e trasporti (MCMT) realizzato dall'Ufficio federale di statistica (UST) e dall'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE). Il confronto prende in considerazione le otto settimane tra il 10 gennaio e il 6 marzo 2021 - che corrisponde all'incirca al periodo del secondo confinamento - e lo stesso periodo dell'anno precedente.

Dallo studio emerge che, prendendo in considerazione solo i percorsi all'interno della Svizzera, le persone intervistate all'inizio del 2021 hanno percorso in media 21,8 chilometri al giorno. La distanza media giornaliera per persona è diminuita quindi di 9,8 chilometri o del 31% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (31,6 chilometri).

Il calo maggiore, pari al 39% (o 17 chilometri in meno), si riferisce alle distanze giornaliere percorse dei giovani dai 18 ai 24 anni. Secondo l'UST, ciò sarebbe riconducibile all'introduzione dell'insegnamento a distanza nelle scuole universitarie e alla chiusura delle strutture per il tempo libero.

Mobilità degli acquisti costante - Durante il secondo lockdown sono aumentate le attività non sportive all'aperto: le distanze percorse per le passeggiate sono aumentate di oltre la metà. Nel complesso, le distanze percorse nel tempo libero sono tuttavia diminuite del 34%. E anche se questo calo è stato maggiore rispetto ai viaggi di lavoro (scesi del 27%), il tempo libero è rimasto il motivo più importante per gli spostamenti (38%).

Secondo l'UST, colpisce inoltre il fatto che, nonostante le chiusure parziali dei negozi e il boom degli acquisti online, le distanze percorse per fare acquisti non sono diminuite significativamente durante la pandemia.

Gli effetti dell'home office - Dalla metà di gennaio 2021, in Svizzera è stato introdotto l'obbligo parziale di lavorare da casa. In questo periodo il 50% delle persone intervistate ha avuto la possibilità di lavorare almeno in parte da casa. Un anno prima questo tasso era del 38%.

Per le persone che hanno fatto ricorso all'home office, la distanza percorsa quotidianamente per recarsi al lavoro si è dimezzata, passando da 18,3 a 9,5 chilometri. Per le altre persone occupate, la distanza percorsa per andare al lavoro non ha invece subito variazioni significative.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
12 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
14 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
16 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
16 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
19 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
21 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
22 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
23 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile