deposit
SVIZZERA
25.10.21 - 09:410
Aggiornamento : 13:33

Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema

In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»

ZURIGO - Sarà un Natale difficile. E costoso. Quattro aziende svizzere su cinque sono confrontate con problemi della catena di approvvigionamento, più che nel momento maggiormente critico della pandemia, nell'aprile 2020: è quanto emerge da un sondaggio condotto a metà mese da Economiesuisse.

Le difficoltà concernono praticamente tutto il settore industriale, compreso il ramo della costruzione, ma anche il commercio all'ingresso e al dettaglio, scrivono gli specialisti della federazione delle imprese svizzere in un bollettino di informazioni odierno.

Se all'inizio la questione riguardava i prodotti provenienti dall'Asia, ora i problemi emergono in quasi tutte le regioni del mondo. Le imprese elvetiche, per la maggior parte strettamente legate al mercato europeo, nominano appunto il vecchio continente come prima regione colpita, ancora prima dell'Asia.

Il problema delle strozzature nell'approvvigionamento non si è ampliato solo geograficamente, ma anche in termini di categorie di prodotti interessati: c'è carenza di materie prime come acciaio, alluminio e legno. Inoltre sulla scia del brusco aumento dei prezzi energetici in Europa e in Cina emerge una grave penuria di molti articoli intermedi, a partire dai semiconduttori, ma non solo: mancano per esempio anche determinate plastiche e prodotti chimici. La scarsità viene a notata anche a valle, sul mercato dei beni di consumo: scarseggiano lavatrici, automobili, giocattoli e sci.

I motivi dei problemi sono molteplici. Il 72% degli interpellati nell'ambito del sondaggio cita la logistica, il 68% l'elevata domanda e le capacità di produzione troppo basse, il 64% le difficoltà di produzione presso i fornitori, il 42% misure anti-pandemia nei paesi di produzione.

La situazione è tale per cui un quinto delle imprese si è vista costretta ad annullare ordini o a non accettarne di nuovi. Per far fronte alle nuove condizioni di lavoro i responsabili cercano di ampliare il magazzino e di trovare nuovi fornitori in altri paesi. Malgrado le perdite a livello di fatturato praticamente nessuno però pensa di tagliare personale, cosa che secondo gli esperti di Economiesuisse non stupisce, considerata la penuria di manodopera specializzata. Il 6% delle ditte sta comunque pensando seriamente di ricorrere maggiormente al lavoro ridotto, soprattutto nel campo delle forniture per l'industria automobilistica.

La metà delle aziende ha già aumentato i prezzi e altre prevedono di farlo nei prossimi sei mesi. Considerato che alcuni componenti hanno visto salire il loro costo di 100 volte, per l'insieme dei beni i partecipanti al sondaggio prevedono un rincaro medio di circa il 5%.

Quanto grande sarà l'impatto di queste distorsioni sull'economia globale dipenderà in gran parte dalla durata dei colli di bottiglia, osserva Economiesuisse. La valutazione degli intervistati viene definita preoccupante: le società colpite si aspettano che i problemi di approvvigionamento finiscano solo nel corso dell'anno prossimo. Allo stesso tempo, la progressione dei prezzi delle materie prime, dell'energia e dei prodotti intermedi aumenta il rischio di un incremento dell'inflazione. Questo è uno sviluppo pericoloso e potrebbe offuscare significativamente le prospettive economiche per quest'anno e il prossimo, conclude l'associazione delle imprese elvetiche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Berna
1 ora
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
5 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
8 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
8 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
9 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
11 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera 9'571 nuovi contagi e 28 decessi in ventiquattro ore
Le unità di terapia intensiva sono piene all'80%. Il 31% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
12 ore
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
15 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile