Keystone (archivio)
SVIZZERA
21.10.21 - 16:140
Aggiornamento : 21:44

Adeguamenti del Certificato, Berna tenta di tirare acqua al suo mulino?

I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.

Ma, mentre le votazioni del 28 novembre si avvicinano, c’è chi crede che si tratti di una tattica.

Fonte 20Minuten/Patrick McEvily, Claudia Blumer
elaborata da Simona Roberti-Maggiore
Giornalista in formazione

BERNA - Il certificato Covid si fa più accessibile. In particolar modo, secondo la proposta messa in consultazione ieri dal Consiglio federale, per i guariti. Il ministro della sanità Alain Berset ha inoltre dichiarato che il Governo ha considerato e a lungo discusso l’opzione della revoca del requisito del certificato, promettendo che la situazione sarà rianalizzata a metà novembre. Questo nuovo approccio desta però sospetti in vista del voto del 28 novembre alla Legge Covid-19.

Poca trasparenza, molta strategia - Secondo il consigliere nazionale dell’UDC Thomas Matter è chiaro che il Consiglio federale prenderà le sue decisioni in base all’umore della popolazione e ai possibili effetti sul voto. I sondaggi attuali parlano di un probabile sì alla Legge Covid-19, tuttavia, secondo Matter, questo sarebbe dovuto alla scarsa trasparenza delle informazioni rilasciate dal Governo nel libretto di voto. L’oggetto del requisito del certificato non è nemmeno menzionato, sottolinea Matter, nonostante rappresenti l’elemento centrale della diatriba. 

Basta con le regole - Secondo Matter, le misure andrebbero abolite ora: «Tra pochi mesi saranno due anni che conviviamo con queste restrizioni. L'UDC è dell'opinione che ora si debba imparare a convivere con questo virus. E questo significa: porre fine alle misure».

Probabilmente si marcerà sul posto - Il politologo Thomas Milic non crede invece che le misure annunciate ieri dal Consiglio federale avranno un impatto importante sul voto. E non ritiene che il leggero aumento dei casi registrato negli ultimi giorni possa portare a un cambiamento sensibile dell’opinione pubblica. Come per altre questioni politiche, spiega Milic, si può osservare che anche per l'argomento Covid nuove scoperte o sviluppi portano solo molto raramente a cambiamenti di opinione. Permane però una certa incertezza rispetto al risultato finale, conclude, perché il disegno di legge potrebbe mobilitare, soprattutto tra i sostenitori del no, molte persone che non votano di frequente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
2 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
4 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
6 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
6 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
7 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
8 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
9 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
9 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
11 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile