Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.10.21 - 22:010

Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa

L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.

La seconda banca svizzera aveva gravemente violato i requisiti in materia di organizzazione e l'obbligo di comunicazione sancito dalla Legge sul riciclaggio di denaro in operazioni del 2013 con imprese dello Stato africano.

ZURIGO - Il caso Mozambico costa caro a Credit Suisse: per chiuderlo la banca elvetica pagherà quasi 475 milioni di dollari alle autorità americane e britanniche. Lo ha reso noto questa sera la Securities and Exchange Commission, (SEC), l'ente federale statunitense preposto alla vigilanza finanziaria. Da parte sua la Finma impone all'istituto condizioni per le nuove operazioni creditizie con Stati finanziariamente deboli.

Credit Suisse ha gravemente violato i requisiti in materia di organizzazione e l'obbligo di comunicazione sancito dalla Legge sul riciclaggio di denaro in relazione a operazioni creditizie del 2013 con imprese statali in Mozambico, annuncia l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) in una nota diffusa in serata.

Nella sua nota, la Finma aggiunche che conclude un'indagine di vigilanza e un procedimento di "enforcement" avviato a carico del gruppo Credit Suisse, in cui ha accertato il ruolo svolto dalla casa madre della banca in relazione a due significative operazioni creditizie delle filiali britanniche di Credit Suisse con imprese statali mozambicane.

Tali crediti, che costituivano circa il 6 per cento del prodotto interno lordo del Mozambico, erano destinati a finanziare soprattutto navi della guardia costiera e una flotta per la pesca del tonno, spiega la Finma. Parte dei fondi sarebbero però finiti nelle tasche di diverse persone sotto forma di tangenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
5 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
8 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
10 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
12 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
12 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
15 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
17 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
18 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
19 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile