Screenshot Youtube
SAN GALLO
18.10.21 - 11:590

«Il Consiglio federale ha tradito il paese»

Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona

RAPPERSWIL-JONA - La polizia sta esaminando il contenuto di un discorso pronunciato da un granconsigliere UDC del cantone di Svitto durante una manifestazione di oppositori alle misure sanitarie, sabato a Rapperswil-Jona (SG). Non si sa ancora se il pubblico ministero del canton San Gallo avvierà un procedimento legale.

Nel suo discorso, David Beeler ha sostenuto che il Consiglio federale «ha tradito il paese» e che in Svizzera vige la «legge marziale»: «I responsabili di questa pandemia dovrebbero essere portati davanti a una corte marziale» ha detto il rappresentante UDC, che si è lanciato in paragoni con il Terzo Reich e l'Olocausto. Ha pure affermato che la polizia «spara sui manifestanti e picchia le donne e gli anziani».

Sono in corso chiarimenti sulle affermazioni del deputato UDC, ha detto a Keystone-ATS Hanspeter Krüsi, portavoce della polizia cantonale sangallese, confermando una notizia diffusa dal portale 20min.ch. La polizia esaminerà il discorso e, a seconda dei risultati, informerà il pubblico ministero. Ci vorranno alcuni giorni prima di sapere se verrà aperto un procedimento.

Beeler aveva già creato scompiglio al parlamento di Svitto alla fine di settembre durante un dibattito sul personale sanitario. In quell'occasione aveva criticato le misure sanitarie contro il coronavirus. Il presidente del Parlamento alla fine lo ha interrotto. Per la manifestazione di sabato a Rapperswil-Jona, David Beeler ha annunciato di voler ripetere quello stesso discorso. Nella lista degli oratori dell'evento è stato presentato come membro del parlamento cantonale di Svitto con la menzione: "Da noi, nessuno toglie il microfono".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
6 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
6 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
8 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
11 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
11 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
11 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
13 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
14 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile