Immobili
Veicoli
20Minuten
Il ristorante di Ruedi Bartel, il Gasthof zur Krone, imbrattato di sangue
SVIZZERA
12.09.21 - 23:300
Aggiornamento : 13.09.21 - 06:29

Covid-scettici sempre più arditi, tra sangue sulle scale e irruzioni in ospedale

Si moltiplicano le proteste di chi si oppone alle misure anti-pandemiche e all’estensione del certificato Covid.

E modalità aggressive e pericolose stanno prendendo sempre più piede, con minacce di morte, sangue sugli scalini e irruzioni in ospedale.

BERNA - Vaccino sì, vaccino no. Una polemica che non cessa di alimentarsi e che sta spaccando in due la popolazione. E con l’estensione dell’obbligo del certificato Covid, in vigore da domani anche all’interno di bar e ristoranti, cinema e palestre, c’è chi è passato a forme di protesta più audaci e allarmanti. 

Politici, ma non solo - Un trend, quello delle rimostranze aggressive, che conoscono bene i media, la nostra redazione in primis, che ricevono messaggi di odio e minacce a cadenza giornaliera. E che subiscono naturalmente anche le autorità preposte, con il Ministro della sanità Alain Berset minacciato di morte sui social da un ristoratore pochi giorni fa. Ma sempre più spesso vengono colpiti anche nuovi target, con modalità fuori dalle righe.

Sangue, resti di animale e simbolismo nazista - È il caso ad esempio di Ruedi Bartel, ristoratore e presidente di Gastro-Turgovia, che dopo essersi dichiarato a favore della vaccinazione obbligatoria per tutti a Blick TV giovedì scorso, stamattina ha trovato l’ingresso del suo locale a Greifensee imbrattato di sangue, vandalizzato con disegni di svastiche, zampe di maiale e i resti di un calamaro. Bartel ha dichiarato che questa non è la prima reazione aggressiva ricevuta: è già stato minacciato di morte telefonicamente. 

Protesta anche all’ospedale - Sempre durante la mattinata odierna, questa volta in canton Friburgo, un gruppo di manifestanti composto da una cinquantina di persone, ha fatto irruzione all’Ospedale cantonale di Friburgo, senza mascherina e invocando alla «liberté». «I manifestanti si sono impegnati a non entrare nell'edificio nel pomeriggio», ha dichiarato la portavoce dell’ospedale. «Ci ​​dispiace che siano entrati nell'area di ingresso senza mascherine. Un ospedale è un luogo sensibile al quale hanno accesso solo le persone che vengono per consulti o visite». Secondo la Polizia cantonale friburghese si trattava di una dimostrazione di solidarietà con il personale dell’ospedale in disaccordo con le attuali disposizioni. 

Berna richiama alla calma - Il Governo federale si è già espresso sulle montanti tensioni. Solo due settimane fa il presidente della Confederazione Guy Parmelin si è appellato alla popolazione sottolineando che «il nemico è il virus» e non i concittadini che la pensano diversamente da noi.

20Minuten
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
Ecco le firme contro l'acquisto degli F-35
L'alleanza "Stop F-35" fa sapere di aver raccolto le 100'000 sottoscrizioni necessarie per la sua iniziativa
SVIZZERA
9 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
10 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
15 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
16 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
18 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
20 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
21 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
22 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile