tipress
BERNA
24.08.21 - 11:510

Ambiente, dieci anni di tempo per evitare la catastrofe

Parte la raccolta firme per l'iniziativa "verde" che chiede di rispettare sei limiti planetari.

Nel caso del clima, si dovrebbe smettere di emettere gas ad effetto serra, ovvero raggiungere lo zero netto.

BERNA - Con un'azione dimostrativa sulla Waisenhausplatz di Berna, i Giovani Verdi hanno dato il "la" ufficialmente oggi alla raccolta delle firme per la loro iniziativa sulla responsabilità ambientale.

Senza un piano, da realizzarsi entro dieci anni da un'eventuale "sì" alle urne, il paese andrà incontro a crisi ambientali, come il surriscaldamento climatico e la perdita di biodiversità.

L'iniziativa chiede alla Svizzera di rispettare sei limiti planetari: il surriscaldamento climatico, l'estinzione di massa delle specie, il consumo d'acqua, l'uso del suolo, l'inquinamento atmosferico e le immissioni di azoto e fosforo. In queste sei aree si dovrebbero applicare limiti chiari che siano compatibili con il concetto di limiti planetari. Nel caso del clima, si dovrebbe smettere di emettere gas ad effetto serra, ovvero raggiungere lo zero netto.

I valori limite dovrebbero riguardare l'inquinamento ambientale in Svizzera ma sono applicabili anche per l'importazione di merci e servizi. La maggior parte del nostro impatto ambientale avviene infatti attualmente all'estero mediante l'importazione di cibo, vestiti o materie prime.

La Svizzera, secondo l'iniziativa, dovrebbe raggiungere questi obiettivi entro dieci anni dall'accettazione dell'iniziativa: va assolutamente evitato il superamento di quei limiti che permettono l'esistenza della vita sulla Terra.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 min
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
48 min
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
2 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
4 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
5 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
7 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
7 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
8 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
16 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
18 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile