Immobili
Veicoli
keystone
SVIZZERA
23.08.21 - 09:570
Aggiornamento : 10:12

La Svizzera accoglierà i rifugiati afghani? Gattiker: «Non ha senso parlarne»

Il segretario di Stato alla migrazione Mario Gattiker frena sulle porte aperte ai rifugiati

BERNA - Mario Gattiker, segretario di Stato per la migrazione, mette in guardia contro «segnali sbagliati» che la Svizzera potrebbe inviare all'Afghanistan. A suo avviso è inutile mettere a disposizione un contingente di 10'000 rifugiati se gli afghani non possono nemmeno lasciare il Paese.

In un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung, Gattiker afferma che è troppo presto per stabilire se ci saranno movimenti migratori su larga scala verso l'Europa, poiché le frontiere dell'Afghanistan sono attualmente in gran parte chiuse. Interrogato sul perché la Svizzera non faccia di più, il segretario di Stato ha ricordato i 20'000 afghani a cui Berna ha già concesso protezione negli ultimi 10 anni. «Prendiamo seriamente la nostra responsabilità quando qualcuno inoltra una domanda di asilo. Vedremo se saranno necessarie ulteriori azioni».

Al momento comunque la protezione e l'assistenza sul posto sono più urgenti. Vista la situazione ancora incerta, non c'è attualmente nessuna richiesta da parte dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) di accogliere profughi, ha aggiunto. «Non ha senso offrire un contingente in anticipo».

Gattiker non ritiene necessario estendere il ricongiungimento oltre i famigliari più prossimi, come fu il caso nel 2013 durante la crisi siriana. Ci sono circa 11'000 persone di origine afghana che vivono oggi in Svizzera. «Dovremmo aspettarci decine di migliaia di domande e i principali beneficiari sarebbero persone che vivono in Iran o in Pakistan da molti anni, dove la loro vita non è minacciata». Ci sono milioni di afghani fuori dal loro Paese che hanno già trovato protezione in altre nazioni e se l'Europa ora manda segnali in questo senso, molti vorranno venire qui e «si esporranno a rotte migratorie pericolose e a bande criminali di passatori».

La Confederazione prenderà in considerazione un'eventuale richiesta dell'UNHCR per accogliere persone vulnerabili. «Si tratta di rifugiati già riconosciuti che hanno diritto alla protezione». Al momento non è possibile valutare la persecuzione politica in Afghanistan e, inoltre, quasi nessuno può lasciare il Paese. «È inutile dire: accoglieremo 10'000 afghani, se le persone interessate non possono comunque cogliere questa opportunità». Inoltre, i centri federali di asilo sono attualmente pieni all'80% a causa della pandemia. Solo 300 posti sono ancora disponibili ed è previsto di accogliere i rifugiati libanesi.

Nei giorni scorsi, sinistra, Verdi e organizzazioni umanitarie hanno chiesto l'ammissione non burocratica di 10'000 rifugiati vulnerabili. Mercoledì, il Consiglio federale ha deciso che la Svizzera non accetterà per il momento nessun contingente di rifugiati afghani e non faciliterà la concessione di visti umanitari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
42 min
Gli agenti hanno raggiunto l'uomo esagitato sulla gru
I servizi di emergenza sono riusciti a recuperare il forsennato sulla gru di un cantiere di Zurigo
SVIZZERA
1 ora
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
1 ora
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
3 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
5 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
15 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
16 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
17 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
18 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
19 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile