Deposit
SVIZZERA
20.07.21 - 06:520
Aggiornamento : 10:04

Tasse di soggiorno: sette volte più care a seconda del comune

A Saas Fee per una notte si sborsano 7 franchi, mentre a Zugo solo 95 centesimi

BERNA - Per un turista che vuole soggiornare in Svizzera qualche giorno è difficile orientarsi tra le tasse di soggiorno, che variano (e anche di molto) da comune a comune. Comparis ha analizzato le tasse di soggiorno degli 80 comuni che hanno registrato il maggior numero di pernottamenti di ospiti da fuori. La media nazionale delle tariffe per gli adulti per il pernottamento ammonta a 3.75 franchi a notte. A livello regionale, tuttavia, si osserva «una babele incontrollata»: la differenza tra la tassa del comune più conveniente (Zugo) e dei comuni più cari (Saas Fee e Saas Almagell nel Canton Vallese e Montreux nel Canton Vaud) è di oltre il 700% (7 franchi rispetto a 95 centesimi a notte). 

Com’è possibile? La decisione sull’importo della tassa di soggiorno spetta ai comuni. «Nella definizione delle imposte di soggiorno, i politici locali tengono difficilmente conto della loro clientela. In fondo, i turisti pagano», osserva Leo Hug, esperto Comparis in materia di finanze.

Stesso cantone, grandi differenze - Ecco perché si registrano grandi differenze anche all’interno di uno stesso cantone. A Coira i vacanzieri devono pagare una tassa di soggiorno di soli 2.35 franchi a notte. A Scuol la tassa è di 2.70 franchi. A Klosters-Serneus il costo raddoppia, arrivando a 5.50 franchi. E a Davos i turisti pagano addirittura 5.90 franchi a notte. Per una vacanza di sette giorni a Davos, quindi, una famiglia di quattro persone con figli adulti deve pagare l’improbabile somma di 165 franchi solo per le tasse di soggiorno – a Scuol sarebbero 76 franchi.

Prezzi diversi, servizi simili - Va certamente riconosciuto che tra i comuni citati i servizi e le prestazioni variano. Tuttavia, le differenze tra i prezzi sono notevoli anche tra i comuni che offrono servizi simili. Le tasse di soggiorno di Saas Fee e Saas Almagell, ad esempio, sono quasi tre volte più care di quelle richieste a Coira. Tutti e tre i comuni offrono sconti sull’uso dei trasporti pubblici e delle ferrovie di montagna locali. 

E chi è solo di passaggio... sborsa anche lui - Gli incassi della tassa di soggiorno servono a finanziare le offerte turistiche locali. Ecco perché molti comuni offrono a chi le paga la cosiddetta carta ospite o guest card, che offre ai turisti sconti sulle ferrovie di montagna, l’utilizzo gratuito dei mezzi di trasporto pubblici del posto ed entrate ridotte o gratuite nei musei locali o in piscina. E se qualcuno è solo di passaggio e non utilizza le offerte turistiche locali? Come mostra l’analisi di comparis.ch, anche queste persone pagano, comunque e ovunque.

Imposta sulla seconda casa: un’alternativa? In sei comuni turistici della Svizzera questo pacchetto di servizi è stato abolito: Andermatt (UR), Celerina (GR), Engelberg (OW), Flims (GR), Laax (GR) e Val Müstair (GR) hanno rinunciato alla tassa di soggiorno puntando interamente sull’imposta sulla seconda casa. In altre parole: al posto della tassa di soggiorno fanno pagare un’imposta sulla residenza secondaria agli albergatori e ai proprietari di case vacanza. Questa imposta non dipende dal numero di pernottamenti, bensì dai metri quadrati o dalla quantità di letti presenti nelle rispettive strutture. Hug vede questa scelta è come il fumo negli occhi: «Per i comuni, l’imposta sulla seconda casa non è un incentivo economico a rendere più attraente l’offerta turistica», critica l’esperto Comparis, aggiungendo che l’imposta in realtà costringe indirettamente solo i proprietari di abitazioni secondarie ad affittare le loro case.
Degli 80 comuni analizzati, Disentis (GR) e Crans Montana (VS) combinano i modelli della tassa di soggiorno e dell’imposta sulla seconda casa.

comparis.ch
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
32 min
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
SVIZZERA
38 min
Crisi cardiache: per paura del virus si muore a casa
Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi
SVIZZERA
17 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
17 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
18 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
19 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
20 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
21 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
22 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile