Immobili
Veicoli
Getty Images/Westend61
SVIZZERA
05.07.21 - 15:470
Aggiornamento : 19:41

Infermieri a pezzi. Ora temono una nuova ondata

I reparti Covid si sono svuotati, ma il personale sanitario ha ancora i nervi scossi.

In molti hanno abbandonato la professione e si teme una carenza di personale qualora la variante Delta dovesse portare a una crescita di contagi in autunno.

ZURIGO - Reparti Covid e unità di terapia intensiva pieni hanno spinto al limite il personale ospedaliero in questi mesi. «È tutto molto frenetico nei reparti. Non possiamo reggere ancora per molto», sottolineava l'infermiera UE* in ottobre. Da allora i letti si sono svuotati, ma il personale non si è ripreso.

Recentemente, i dipendenti dell'Ospedale universitario del Canton Vaud (CHUV) si sono riuniti per uno sciopero ospedaliero. «Quando è troppo è troppo. Siamo esausti, nessuno ci aiuta, ecco perché oggi scioperiamo», aveva spiegato un'infermiera al Tagesanzeiger. Secondo il Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (VPOD), il tasso di assenza in alcuni reparti arriva fino al 25 percento. In altri ospedali la situazione non è migliore. Lo stress accumulato è alle stelle.

«Tra ottobre e dicembre ho accumulato 60 ore di straordinari», ammette Sarah Rimann (36 anni), infermiera presso il Centro ospedaliero di Bienne. La donna sostiene di essere ancora in forze prevalentemente per il fatto che ha un contratto al 50%. Diversa è la condizione dei suoi colleghi, che devono sottostare a carichi di lavoro più elevati. «Arrivi a fare il minimo possibile, sei più irritabile e hai bisogno di tempi di recupero sempre più lunghi tra i cambi di turno». Ciò significa che i dipendenti sono spesso assenti.

Secondo Rimann, anche i reparti sono alle prese con situazioni preoccupanti legate allo stress e a carichi di lavoro eccessivi. «Dal 15 novembre ci hanno affiancato i neolaureati. Tutti tranne tre se ne sono andati dopo quattro o cinque settimane. Erano sopraffatti».

Migliaia di posti sono vacanti - Elvira Wiegers, segretaria per la salute e l'assistenza del VPOD, spiega: «Gli operatori sanitari camminano sui tizzoni ardenti». Migliaia di posti sono vacanti. La carenza di personale porta regolarmente alla chiusura di interi reparti o sedi.

Contattati da 20 Minuten, diversi ospedali confermano il disagio psicofisico del proprio personale: «Anche all'Ospedale Universitario di Zurigo (USZ) la stanchezza e l'esaurimento sono sempre più tangibili. Tanto che siamo preoccupati e stiamo cercando di fare il possibile per alleggerire i dipendenti dal carico di stress», afferma Martina Pletscher, portavoce dell'USZ.

«Mi chiedo come potremo sopportare un'altra ondata» - Secondo Pletscher, la pandemia è stata una sfida immensa durata un anno e mezzo sia per gli infermieri che per chi pratica la professione medica. Una sfida affrontata con grande impegno. «Un carico di lavoro simile non può essere sostenuto all'infinito».

Situazione simile si sta registrando presso l'ospedale di Svitto. «L'intero staff è piuttosto stanco, sia per la tensione che per il lavoro intenso», ammette la portavoce Nirmala Arthen.

A causa della variante Delta, gli epidemiologi non escludono un'altra ondata nel prossimo autunno. Anche gli ospedali lo temono, e ciò genera paura e tensioni tra il personale, afferma Sarah Rimann. «Ci chiediamo come potremo gestire un'altra ondata senza evitare che tutti i dipendenti scappino».

Le associazioni chiedono condizioni migliori - Il miglioramento delle condizioni di lavoro è un processo lungo, il personale lo comprende, aggiunge Elvira Wiegers. «Ciò che è ora assolutamente necessario, tuttavia, è offrire la certezza che i problemi di vecchia data verranno finalmente affrontati in modo vincolante».

La domanda non è cosa accadrà se non cambierà nulla, ma quanto velocemente cambierà qualcosa, afferma Wiegers. «Più aspettiamo, più persone abbandoneranno il lavoro».

Non tutti gli ospedali, però, sono sotto stress. Il personale dell'ospedale cantonale di Basilea Campagna è riuscito a ricaricare le batterie. Almeno stando alla portavoce Anita Kuoni: «Abbiamo imparato dalla prima ondata e dalla scorsa estate abbiamo pianificato al meglio vacanze e venerdì aggiuntivi per mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata».

* Nome noto all'editore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
6 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
7 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
7 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
13 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
14 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
15 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
18 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile