Getty Images/Westend61
SVIZZERA
05.07.21 - 15:470
Aggiornamento : 19:41

Infermieri a pezzi. Ora temono una nuova ondata

I reparti Covid si sono svuotati, ma il personale sanitario ha ancora i nervi scossi.

In molti hanno abbandonato la professione e si teme una carenza di personale qualora la variante Delta dovesse portare a una crescita di contagi in autunno.

ZURIGO - Reparti Covid e unità di terapia intensiva pieni hanno spinto al limite il personale ospedaliero in questi mesi. «È tutto molto frenetico nei reparti. Non possiamo reggere ancora per molto», sottolineava l'infermiera UE* in ottobre. Da allora i letti si sono svuotati, ma il personale non si è ripreso.

Recentemente, i dipendenti dell'Ospedale universitario del Canton Vaud (CHUV) si sono riuniti per uno sciopero ospedaliero. «Quando è troppo è troppo. Siamo esausti, nessuno ci aiuta, ecco perché oggi scioperiamo», aveva spiegato un'infermiera al Tagesanzeiger. Secondo il Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (VPOD), il tasso di assenza in alcuni reparti arriva fino al 25 percento. In altri ospedali la situazione non è migliore. Lo stress accumulato è alle stelle.

«Tra ottobre e dicembre ho accumulato 60 ore di straordinari», ammette Sarah Rimann (36 anni), infermiera presso il Centro ospedaliero di Bienne. La donna sostiene di essere ancora in forze prevalentemente per il fatto che ha un contratto al 50%. Diversa è la condizione dei suoi colleghi, che devono sottostare a carichi di lavoro più elevati. «Arrivi a fare il minimo possibile, sei più irritabile e hai bisogno di tempi di recupero sempre più lunghi tra i cambi di turno». Ciò significa che i dipendenti sono spesso assenti.

Secondo Rimann, anche i reparti sono alle prese con situazioni preoccupanti legate allo stress e a carichi di lavoro eccessivi. «Dal 15 novembre ci hanno affiancato i neolaureati. Tutti tranne tre se ne sono andati dopo quattro o cinque settimane. Erano sopraffatti».

Migliaia di posti sono vacanti - Elvira Wiegers, segretaria per la salute e l'assistenza del VPOD, spiega: «Gli operatori sanitari camminano sui tizzoni ardenti». Migliaia di posti sono vacanti. La carenza di personale porta regolarmente alla chiusura di interi reparti o sedi.

Contattati da 20 Minuten, diversi ospedali confermano il disagio psicofisico del proprio personale: «Anche all'Ospedale Universitario di Zurigo (USZ) la stanchezza e l'esaurimento sono sempre più tangibili. Tanto che siamo preoccupati e stiamo cercando di fare il possibile per alleggerire i dipendenti dal carico di stress», afferma Martina Pletscher, portavoce dell'USZ.

«Mi chiedo come potremo sopportare un'altra ondata» - Secondo Pletscher, la pandemia è stata una sfida immensa durata un anno e mezzo sia per gli infermieri che per chi pratica la professione medica. Una sfida affrontata con grande impegno. «Un carico di lavoro simile non può essere sostenuto all'infinito».

Situazione simile si sta registrando presso l'ospedale di Svitto. «L'intero staff è piuttosto stanco, sia per la tensione che per il lavoro intenso», ammette la portavoce Nirmala Arthen.

A causa della variante Delta, gli epidemiologi non escludono un'altra ondata nel prossimo autunno. Anche gli ospedali lo temono, e ciò genera paura e tensioni tra il personale, afferma Sarah Rimann. «Ci chiediamo come potremo gestire un'altra ondata senza evitare che tutti i dipendenti scappino».

Le associazioni chiedono condizioni migliori - Il miglioramento delle condizioni di lavoro è un processo lungo, il personale lo comprende, aggiunge Elvira Wiegers. «Ciò che è ora assolutamente necessario, tuttavia, è offrire la certezza che i problemi di vecchia data verranno finalmente affrontati in modo vincolante».

La domanda non è cosa accadrà se non cambierà nulla, ma quanto velocemente cambierà qualcosa, afferma Wiegers. «Più aspettiamo, più persone abbandoneranno il lavoro».

Non tutti gli ospedali, però, sono sotto stress. Il personale dell'ospedale cantonale di Basilea Campagna è riuscito a ricaricare le batterie. Almeno stando alla portavoce Anita Kuoni: «Abbiamo imparato dalla prima ondata e dalla scorsa estate abbiamo pianificato al meglio vacanze e venerdì aggiuntivi per mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata».

* Nome noto all'editore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
2 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
2 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
BERNA
3 ore
1'235 nuovi positivi e quattro vittime
Continua a calare la pressione sugli ospedali e anche nelle unità di terapia intensiva.
SVIZZERA
5 ore
Reddito di base, ci riprovano
Dopo la bocciatura del 2016, un comitato referendario torna alla carica proponendo tasse più alte su finanza e hi-tech
SVIZZERA
7 ore
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SVIZZERA
9 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
11 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
17 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
18 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile