Tipress (archivio)
SVIZZERA
02.07.21 - 18:010
Aggiornamento : 03.07.21 - 11:32

Rischio di mega code ai valichi a causa del Certificato Covid

I controlli relativi a test, guarigione e vaccino potrebbero rallentare il traffico, e l’USTRA prevede grossi ingorghi.

«Consiglierei a tutti di andare in vacanza in Svizzera, così dà risparmiarsi il tutto», così Walter Wobmann, membro della Commissione dei trasporti del Consiglio Nazionale.

BERNA - Il certificato Covid è il biglietto d’accesso per le vacanze all'estero. Allo stesso tempo, però, con l’estate entrata nel vivo, ha il potenziale per rendere il viaggio molto meno piacevole. L'attuale situazione pandemica potrebbe infatti portare a tempi di attesa prolungati ai valichi di frontiera, riferisce l'Ufficio federale delle strade (USTRA) nelle sue previsioni del traffico per l'estate del 2021. I ritardi già naturalmente inevitabili tra fine giugno e metà settembre, a causa dei viaggi di vacanza, sarebbero dunque esasperati.

Incertezze - «È possibile che ci siano grossi ingorghi ai valichi di frontiera, perché i controlli dei certificati Covid ritardano il transito dei viaggiatori», conferma Thomas Rohrbach, portavoce dell’USTRA. Non è però ancora chiaro come questi verranno effettuati in alta stagione. Le autorità di frontiera estere potrebbero adattare il loro modus operandi con breve preavviso, a seconda dell'evoluzione della situazione epidemiologica.

Colonne in vista a Chiasso Brogeda - Rohrbach prevede che in alcune dogane verranno effettuate solo ispezioni casuali, mentre in altre saranno più continue e severe. «Se c'è un controllo intensivo, anche le code si faranno più intense». Secondo Rohrbach, i valichi che potrebbero essere maggiormente toccati dal problema, in quanto più utilizzati, sono quelli di Chiasso, Bardonnex (GE), Au (SG), St. Margrethen (SG), Koblenz (AG) e Thayngen (SH).

Anche rientrando a casa - E non sono da escludere nemmeno code dovute a verifiche effettuate sulla via del ritorno. «Come parte del nostro incarico, effettueremo controlli casuali e basati sul rischio», afferma Simon Erny, portavoce dell'Amministrazione federale delle dogane FCA.

Meglio restare in patria? - Divergono le opinioni all’interno della Commissione dei trasporti del Consiglio Nazionale. Per la sinistra, sarebbe negligente non controllare i viaggiatori alla frontiera, afferma il consigliere nazionale dei Verdi Michael Töngi. «Gli ingorghi che ne derivano sono il prezzo che dobbiamo pagare per le vacanze all'estero». Il certificato Covid è un traguardo europeo, continua, «senza questo, i viaggiatori dovrebbero accettare restrizioni molto più forti». Di tutt’altra opinione i politici di destra. «Mi chiedo veramente cosa sia tutto questo teatrino intorno al Covid e questi controlli» afferma il consigliere nazionale UDC Walter Wobmann. Se le autorità stanno già controllando, dovrebbero farlo «con molta, molta cautela», dice. «Fondamentalmente consiglierei a tutti di andare in vacanza in Svizzera, così potrete risparmiarvi ingorghi da Covid».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
7 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
8 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
9 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
10 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
11 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
12 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
13 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
15 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
16 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile