Tipress
SVIZZERA
22.06.21 - 15:050

Il nuovo svizzero: non ci sentiamo minacciati

Abbiamo meno fiducia nel Consiglio federale, e crediamo ancora fortemente nella neutralità.

BERNA  - Gli Svizzeri si sentono in generale molto sicuri e hanno grande fiducia nelle istituzioni elvetiche. Tra i timori più diffusi indicano la pandemia, i cyberattacchi, la diffusione di fake news o una crisi economica. È quanto emerge dallo studio annuale edito dall'Accademia militare (ACMIL) e dal Center for Security Studies (CSS) del Politecnico federale di Zurigo.

Tra i mesi di gennaio del 2020 e del 2021 il sentimento di sicurezza degli svizzeri è rimasto immutato: il 95% delle persone che hanno partecipato all'inchiesta provano un sentimento positivo. Il loro entusiasmo per il futuro del Paese è tuttavia leggermente diminuito: sono l'83% a dirsi ottimisti mentre un anno prima erano ancora il 91%.

Un terzo degli intervistati è preoccupato per la situazione politica mondiale. La crisi del coronavirus, la Brexit e l'attacco al Campidoglio di Washington, sede del Congresso degli Stati Uniti, lo scorso 6 gennaio, nonché il successivo insediamento del nuovo presidente americano Joe Biden possono aver avuto un influsso sulle risposte degli interrogati, stando al rapporto.

Nel complesso gli svizzeri non si sentono minacciati. Considerano tuttavia come probabili minacce una pandemia, gli attacchi informatici, la diffusione di false notizie o una crisi finanziaria. La fiducia nei confronti delle istituzioni elvetiche è invece rimasta superiore alla media durante l'epidemia di Covid-19 ed è persino aumentata tra il 2020 e il 2021.

Perdita di slancio del Governo - La fiducia nel Consiglio federale è diminuita in modo significativo in un anno, ma resta superiore alla media. Lo stesso si può dire per quella nei confronti della polizia, della scienza e dei tribunali. Dal canto suo, la fiducia nel Parlamento federale e nei partiti politici è aumentata, pur restando nella media degli ultimi anni.

Gli Svizzeri sono sempre fortemente legati al principio di neutralità. Sono il 96% a sostenerlo. Per la maggioranza degli intervistati la neutralità porta più vantaggi che inconvenienti.

Per quanto riguarda la politica estera, gli elvetici sono inclini all'apertura, ma a determinate condizioni. Se sono globalmente favorevoli alla cooperazione economica con l'UE, respingono per contro a larga maggioranza l'idea di un riavvicinamento o di un'adesione all'Unione europea.

La collaborazione con l'ONU ha guadagnato terreno. Un numero significativamente più elevato di persone ritiene che la Svizzera debba essere più attiva in seno alle Nazioni Unite, in particolare per quel che concerne un seggio nel Consiglio di sicurezza o una partecipazione alle forze di mantenimento della pace dell'ONU.

Esercito apprezzato - L'Esercito svizzero è apprezzato dal 73% delle persone interrogate che lo ritengono necessario. Una maggioranza privilegia l'esercito di milizia (58%) rispetto a uno professionistico (38%). La soddisfazione nei confronti delle prestazioni delle truppe ha raggiunto un picco nell'estate 2020, al culmine dell'emergenza legata al coronavirus. È poi ridiscesa a un livello ordinario all'inizio di quest'anno.

Due terzi degli intervistati sostiene l'idea di un servizio obbligatorio sia per gli uomini che per le donne, con una libera scelta tra servizio militare, civile o sociale. Il servizio militare esclusivamente rivolto agli uomini ha perso terreno. Solo la metà degli interrogati vi è favorevole.

Infine, i giovani adulti (18-29 anni) sono molto più numerosi rispetto alle fasce d'età superiori nel ritenere che le restrizioni legate alla pandemia abbiano influito sulla loro vita lavorativa, sul loro comportamento nel tempo libero e sulla loro salute mentale.

Il sondaggio è stato realizzato telefonicamente lo scorso gennaio dall'istituto LINK su un campione di 1'228 Svizzeri su mandato dell'ACMIL e il CSS del Politecnico federale di Zurigo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Canoista disperso nella Limmat: «L'abbiamo visto andare a fondo»
È entrato in acqua malgrado il divieto di navigazione e di balneazione. Lanciata una vasta ricerca.
SAN GALLO
2 ore
Ordigno inesplosa sulle rive del Sitter, era lì da cent'anni
La granata è stata rimossa oggi dagli specialisti dell'esercito. Proviene da un pezzo d'artiglieria svizzera.
SVIZZERA
4 ore
La grandine presenta la "fattura" più pesante
Temporali e inondazioni. Tra giugno e luglio il maltempo si è fatto sentire in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
5 ore
Effetti avversi dopo il vaccino: le ultime cifre
I casi classificati come seri da SwissMedic sono 1537, ovvero il 35.6% del totale.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 791 casi in un giorno
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche due decessi e 13 ricoveri.
BERNA
8 ore
Usare il fiume per raffreddare la città? Berna ci sta pensando
Al posto dei climatizzatori convenzionali, l'idea è di prelevare l'acqua dall'Aare e sfruttare la sua energia.
BERNA
10 ore
Vuole donare 50 franchi per le vittime dell'alluvione, la Posta gliene chiede 20 di commissioni
Il sovrapprezzo giudicato troppo alto ha fatto desistere l'85enne dal compiere il gesto generoso.
BERNA
20 ore
Nuovi temporali, nuova allerta
Precipitazioni attese a partire da sabato. Possibili nuovi temporali in vista
LUCERNA
20 ore
Impennata di malattie gastrointestinali
Il canton Lucerna sta cercando di chiarire le cause del problema.
ZURIGO
1 gior
Niente mascherina in treno: «Sono cristiano, Gesù non l'avrebbe portata»
I due imputati sono stati condannati dal Tribunale di Zurigo per il non rispetto della disposizione in treno.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile