keystone
ZURIGO
16.06.21 - 18:570

Carlos - anzi Brian - non sarà internato

Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti

ZURIGO - Per una serie di numerose aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti, il Tribunale cantonale di Zurigo oggi ha condannato a una pena detentiva di sei anni e quattro mesi il giovane delinquente conosciuto con il soprannome di Carlos. Non ha però considerato il cosiddetto "piccolo internamento" voluto in prima istanza per il 25enne, che adesso preferisce essere chiamato con il nome di battesimo Brian.

Il Tribunale distrettuale di Dielsdorf (ZH) aveva in precedenza condannato Carlos - che sta da tempo scontando la detenzione per vari reati - a una pena supplementare di quattro anni e nove mesi di detenzione, sospesa però in favore di una terapia psichiatrica stazionaria. Ciò avrebbe permesso di verificare ogni cinque anni se la terapia fosse stata efficace e se fosse necessario prolungarla.

Il giudice del Tribunale cantonale ha invece ritenuto che non c'è praticamente nessuna possibilità di effettuare una terapia con "Brian-Carlos", dato che egli stesso dice di non voler sottoporsi ad alcuna cura, e che non può essere costretto a farlo. E rinchiuderlo per il resto dei suoi giorni come chiesto dall'accusa sarebbe sproporzionato.

«Non è un assassino, uno stupratore e nemmeno un piromane. È soprattutto un picchiatore», ha detto il giudice che presiede la corte, sottolineando inoltre che i reati in questione sono tutti contro il sistema giudiziario. «C'è la possibilità che, dopo aver scontato la sua pena, in libertà possa dare una buona prova di sé stesso», ha notato.

Ci vorrà però ancora del tempo prima che ciò accada. Il giovane, detenuto da oltre tre anni e mezzo, deve infatti scontare almeno altri tre anni. E intanto la Procura ha già aperto un nuovo procedimento per una trentina di altri reati, che potrebbero comportare un'ulteriore pena aggiuntiva.

Contro la sentenza odierna sia la procura che l'imputato possono ancora fare appello al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
1 ora
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
2 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
3 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
4 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
6 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
7 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
ZURIGO
16 ore
Incendio in appartamento, un morto
È successo oggi pomeriggio sulla Manessestrasse
SVIZZERA
19 ore
«Ecco cosa succede quando Maurer gioca a fare Trump»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, attacca Ueli Maurer. Ma c'è anche chi lo difende
SVIZZERA
20 ore
Un detective per Berset
La Procura federale vuole vederci chiaro sul tentativo di estorsione da parte di una donna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile