Immobili
Veicoli
keystone
BERNA 
07.06.21 - 20:020

«Netflix e simili devono pagare di più»

Il CdS vuole che le piattaforme di streaming investano il 4% del loro reddito lordo nella produzione di film svizzeri.

Il Nazionale aveva abbassato tale tasso all'1%.

BERNA  - Nell'ambito della revisione della legge sul cinema, il Consiglio degli Stati vuole che le piattaforme di streaming, come Netflix o Disney, investano il 4% del loro reddito lordo nella produzione di film svizzeri. Temendo ripercussioni sui prezzi per i consumatori, il Nazionale aveva abbassato tale tasso all'1%.

Di fronte all'esplosione di questi servizi online, il governo ha confezionato un progetto con l'intenzione di proteggere il settore. L'esecutivo aveva fissato - prima del ribasso deciso dalla Camera del popolo - proprio al 4% la quota di reddito da destinare al cinema elvetico: l'alternativa è pagare una tassa sostitutiva.

Durante la seduta odierna, le discussioni si sono trascinate a lungo su questo punto. Sul tavolo vi era anche un'altra proposta, ovvero quella di stabilire la percentuale al 2%. Alla fine si è però tornati al 4% di partenza, che, stando a Ruedi Noser (PLR/ZH), permetterà ad altri attori di emergere in un mercato, quello della produzione di film elvetici, dominato dalla SSR e indirettamente dall'Ufficio federale della cultura.

Presente in aula, il consigliere federale Alain Berset ha parlato anche di uguaglianza, dato che i canali televisivi nazionali e regionali devono già investire il 4% del loro reddito. La stessa regola va applicata a chiunque operi sul mercato svizzero, comprese le piattaforme e le finestre pubblicitarie, ha sottolineato il ministro friburghese.

Anche il dibattito sulla già citata tassa sostitutiva ha tenuto impegnati non poco i "senatori", con la commissione preparatoria che voleva rinunciarvi, suggerendo invece l'introduzione di un obbligo di pagamento ulteriore. Al fotofinish però (23 voti a 22) è passata una proposta del centro-sinistra per mantenerla.

"La tassa sostitutiva ha dimostrato di essere vantaggiosa. I suoi effetti sono abbastanza dissuasivi da spingere a scegliere la strada degli investimenti", ha dichiarato Elisabeth Baume-Schneider (PS/JU).

Gli Stati hanno poi bocciato la proposta del Nazionale di estendere l'esenzione dall'obbligo di investire nel cinema svizzero anche alle emittenti televisive regionali titolari o meno di una concessione. Per quanto riguarda le spese computabili, i "senatori" si sono dimostrati più generosi: la promozione di film svizzeri fino a un importo massimo di 500'000 franchi all'anno potrà essere presa in conto.

Nella votazione d'insieme, il progetto è stato accettato per 35 voti a 9. Viste le divergenze presenti, il dossier farà ora ritorno sui banchi del Consiglio nazionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
12 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
12 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
14 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
15 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
16 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
19 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
19 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
22 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
23 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile