Ti Press
Una foto scattata oggi a Lugano
SVIZZERA
31.05.21 - 16:160
Aggiornamento : 20:32

Riaperti gli spazi interni, ma la gente preferisce le terrazze

Il bel tempo ha evidentemente influito sulle scelte adottate dai clienti in varie località svizzere.

Nessuna "corsa" alle aree interne dei ristoranti. Molti locali il lunedì sono però chiusi per il tradizionale giorno di riposo. Per una reale conferma del trend bisogna quindi attendere almeno fino a domani.

BERNA - Un pranzo negli spazi interni di un ristorante: da oggi è di nuovo possibile in Svizzera. A causa del bel tempo molti ospiti, in varie località elvetiche, hanno però preferito ancora mangiare sulle terrazze.

Nel centro storico di Aarau, ad esempio, a mezzogiorno i locali interni sono rimasti in gran parte vuoti, mentre i tavoli all'esterno di ristoranti e take-away erano ben occupati. Inoltre molte insegne erano chiuse per il tradizionale giorno di riposo del lunedì. Bisognerà quindi attendere domani per avere una reale conferma del successo o meno della riapertura.

Anche i ristoranti self service di Migros e Coop erano poco frequentati oggi. Forse anche a causa del telelavoro, c'erano più posti vuoti che ospiti ai tavoli.

Nella città vecchia di Basilea e nel quartiere di Kleinbasel la "grande corsa" alle aree interne dei ristoranti non c'è stata. Anche qui il bel tempo tendeva piuttosto ad attirare gli ospiti sulle terrazze. I tavoli all'interno sono stati occupati solo saltuariamente, ha indicato all'agenzia Keystone-ATS un proprietario di una catena di ristoranti.

«Ma siamo davvero felici e sollevati che dopo tanto tempo ci è consentito di aprire gli spazi interni. Da quando il Consiglio federale ha dato il via libera, abbiamo di nuovo avuto un consistente numero di prenotazioni», ha aggiunto.

Anche il caffè sulla terrazza - Già durante la mattinata molti clienti di Zurigo e Winterthur (ZH) hanno preferito sorseggiare un caffè all'aperto sulle terrazze. Lo stesso dicasi per Neuchâtel. Ma il lunedì è tradizionalmente una giornata più tranquilla per bar e ristoranti, ha spiegato un dipendente.

Dal canto suo, a Tesserete un ristorante gourmet ha già potuto beneficiare di alcune prenotazioni per mezzogiorno e la serata di oggi. Sebbene avessimo a disposizione una grande terrazza per 50 persone, l'apertura degli spazi interni ci ha facilitato il lavoro, ha detto il titolare a Keystone-ATS.

Altri si sono mostrati meno ottimisti e hanno avuto la sensazione che le persone si sentissero ancora spaventate e volessero lasciare il più in fretta possibile il ristorante dopo il pasto, anche sulle terrazze, ha affermato un altro proprietario.

Cafetiersuisse ottimista - Di parere opposto il presidente dell'associazione di categoria Cafetiersuisse, Hanspeter Oettli. A suo avviso, già durante la fase di riapertura delle terrazze Bereits taluni ristoranti hanno fatto buoni affari. Oettli ha avuto la sensazione che c'era grande attesa tra gli ospiti di potersi nuovamente sedere a un tavolo.

Naturalmente la raccomandazione del telelavoro porta ancora a determinate perdite per caffè e bar. Tuttavia il settore spera in un effetto simile a quello verificatosi dopo il primo lockdown della scorsa primavera, quando i ristoranti sono stati in grado di compensare le loro perdite. L'apertura degli spazi interni dà loro un certa sicurezza, secondo Oettli.

Dal 22 dicembre - Le misure ordinate dal Consiglio federale per fronteggiare la pandemia da coronavirus hanno duramente colpito ristoranti e caffè. Dal 22 dicembre scorso, solo agli hotel era consentito di servire gli ospiti. Da metà aprile i ristoratori hanno potuto riaprire le terrazze.

Da oggi gli ospiti possono nuovamente sedersi a un tavolo all'interno, ma solo con un massimo di quattro persone e la raccolta dei dati di contatto. All'esterno sono possibili tavoli da sei. Viene inoltre abolita la chiusura tra le 23 e le 6 del mattino. Le mascherine sono obbligatorie per chi si muove in un ristorante e per il personale.

Da oggi possono riaprire anche i bagni termali, dove devono essere garantiti 15 metri quadrati per persona. Le attività possono essere praticate senza mascherina ma a distanza. Regole analoghe per le piscine coperte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
35 min
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
SVIZZERA
10 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
14 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
19 ore
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
ZURIGO
20 ore
Lite con coltello: due feriti e quattro arresti
È successo nelle prime ore di domenica alla stazione ferroviaria di Zurigo Stadelhofen
LUCERNA
21 ore
«Sembra che si vogliano far morire le persone anziane»
Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19
VAUD
1 gior
Mortale a Bullet: la vittima è un 16enne
Il ragazzo stava guidando la sua moto con il fratello minore di 14 anni. Aperta un'inchiesta sulla dinamica
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
1 gior
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
1 gior
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile