Keystone
Da Swiss niente obbligo, ma una raccomandazione sì.
SVIZZERA / STATI UNITI
24.05.21 - 21:000

Annunci di lavoro post-Covid, tra i requisiti anche il vaccino?

Molte aziende statunitensi cercano solo dipendenti vaccinati, ma in Svizzera «non è plausibile»

Le aziende elvetiche si limitano a delle «raccomandazioni», anche perché un obbligo non è permesso

ZURIGO / NEW YORK - A livello internazionale, essere vaccinati contro il Covid sta diventando un requisito sempre più richiesto, anche in ambito professionale. Negli Stati Uniti, per chi non intende vaccinarsi potrebbe presto diventare difficile persino trovare un posto di lavoro.

Lo chef stellato svizzero Daniel Humm, per esempio, sta cercando un sommelier per il suo ristorante di New York "Eleven Madison Park". Per coloro che vogliono candidarsi, però, oltre alle qualità come «un'eccezionale conoscenza del vino», è necessario anche un «certificato di vaccinazione anti-Covid». 

Non è poi l'unico negli USA: anche altre aziende richiedono una prova della vaccinazione nei loro annunci di lavoro. L'azienda di lavorazione della carne JBS richiede almeno la prima dose. Per quanto concerne chi è già dipendente, inoltre, sono partiti diversi programmi di incentivi, con un aumento temporaneo del salario, dei buoni, o un bonus per chi si fa vaccinare.

Il requisito di vaccinazione potrebbe quindi diventare uno standard per i nuovi dipendenti. «Molte aziende americane insisteranno per vaccinare i propri dipendenti, specialmente quelle che hanno contatti con la gente, con il pubblico», ha confermato Eric Feldman, professore di diritto medico dell'Università della Pennsylvania.

In Svizzera? Non è permesso

Le aziende in Svizzera, invece, non vogliono arrivare a tanto. Microsoft Svizzera, interpellata dal quotidiano 20 Minuten, ha dichiarato che la vaccinazione «non è un requisito» per i propri dipendenti, e che ciò non è in discussione. Lo stesso vale anche per l'istituto Credit Suisse. Nessun obbligo pure per il personale della compagnia aerea Swiss, che dal canto suo ha però emesso una «raccomandazione urgente» di farsi vaccinare.

D'altronde, una vaccinazione obbligatoria sul posto di lavoro non sarebbe consentita in Svizzera. Se venisse imposta, i dipendenti potrebbero rifiutarsi e intraprendere un'azione legale contro un possibile licenziamento ingiustificato. 

Al colloquio: «Hai fatto il vaccino?»

Anche un'eventuale domanda «sei vaccinato?» ad un colloquio di lavoro non è ammessa in Svizzera, se non nei casi dove il certificato potrebbe avere un impatto sul rapporto di lavoro, ad esempio per il personale infermieristico o per chi lavora nei trasporti e deve recarsi in altri paesi. Lo ha confermato Nicolas Facincani, avvocato specializzato in diritto del lavoro.

Secondo Thomas Geiser, professore di diritto del lavoro all'Università di San Gallo, è comunque improbabile che i datori di lavoro facciano domande sulla vaccinazione, anche poiché i dipendenti devono comunque rispettare le misure generali di protezione previste dall'azienda, come mascherine o distanze. Ma è anche possibile mentire. «Se il datore di lavoro venisse a sapere la verità, non c'è niente che potrebbe fare, perché si tratta di una domanda inammissibile», ha detto Geiser.

«La questione della vaccinazione è, a parte le poche eccezioni, chiaramente inammissibile e non è affare del datore di lavoro» ha poi ribadito un portavoce del sindacato Unia. Il datore di lavoro «deve garantire che i dipendenti siano protetti» sul posto di lavoro, cosa che può fare anche con le misure di protezione esistenti, senza vaccinazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 4 mesi fa su tio
Se ho ben capito: se sei vaccinato puoi ammalarti ma “ lievemente “. Se non sei vaccinato puoi diventare comunque un “ portatore sano “. In poche parole il rischio di essere un “ untore “ in un modo o nell’altro c’è sempre. Se dovessi scegliere un dipendente preferirei una persona ......, ma sicuramente la mia attività ha un fattore di rischio di chiudere meno elevato se ho dei dipendenti vaccinati. In un modo o nell’altro alla fine la mia scelta sarà discriminatoria ma fino a che punto siccome sto parlando della salute dei miei collaboratori e poi della mia attività ? Sempre se ho ben capito ....
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@Ro Non ci sono untori, ma persone con un terreno più o meno fertile al virus
Ro 4 mesi fa su tio
@pillola rossa Ops ! Chiedo scusa
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Daniel Dumm
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
5 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
5 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
6 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
8 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
8 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
10 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
12 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
13 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
14 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
14 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile