reuters
BERNA
26.04.21 - 18:520
Aggiornamento : 21:30

Bambini immuni con il contagio, gli esperti sono critici

In attesa dei test clinici, probabilmente non saranno vaccinati neanche in estate.

Se l'infezione debba essere consentita nei più piccoli è una questione controversa.

BERNA - Anche dopo il completamento della fase 2 della campagna vaccinale, verso la fine di luglio, il Consiglio federale prevede che circa 2,5 milioni di persone non saranno ancora vaccinate.

Oltre a coloro che non vogliono ricevere il vaccino, si calcolano 1,5 milioni di bambini e adolescenti sotto i 16 anni, e altre persone, per cui la vaccinazione non è adatta. «Il Governo federale è quindi preoccupato per il fatto che, a lungo termine, tutte le persone non vaccinate e non guarite saranno infettate», si legge in un documento sul modello trifase. In altre parole: secondo il Consiglio federale, probabilmente non è possibile evitare la contaminazione di coloro che non avranno ricevuto il vaccino.

Critiche social - Il documento ha causato molti problemi sui social media. «Il Consiglio federale vuole "immunizzare" i bambini dall'infezione. Chi fermerà questa follia?», Scrive un utente su Twitter.

Per molti, sottoporre i bambini al trattamento è incomprensibile. «Grazie Consiglio federale per aver voluto esporre noi, e soprattutto i nostri figli, a questo rischio estremo», si legge in un altro tweet.

Questione controversa - Anche per l'epidemiologo Marcel Tanner, i bambini e gli adolescenti devono rientrare nella campagna vaccinale. «Non è giusto discutere dell'immunità di gregge e delle vaccinazioni, ma non includere esplicitamente bambini e adolescenti». Tanner presume che la vaccinazione sarà disponibile anche per i più piccoli tra pochi mesi, quando gli studi forniranno gli attesi risultati. «Presumere che bambini e giovani si stiano infettando, sviluppando poi gli anticorpi, non è sufficiente per garantire l'immunità di gregge. Con una rapida vaccinazione potremo essere più sicuri».

Anche l'infettivologo e pediatra di Infovac, Alessandro Diana, è convinto che un'infezione sia la strada sbagliata. Questi, anzi, attende che venga presto applicata la raccomandazione di vaccinazione per i bambini a partire dai dodici anni. «È difficile stabilire se sarà in estate o più tardi». I vantaggi sarebbero numerosi: «Più della metà dei giovani con Covid mostra sintomi a lungo termine, che possono essere ridotti con la vaccinazione. E anche la trasmissione del virus da parte dei bambini potrebbe essere frenata».

«Gli adolescenti devono poter tornare liberi» - L'infettivologo Andreas Widmer la vede in modo diverso: «Per i bambini in età prepuberale, attualmente non si presume una minaccia. Se tutti gli adolescenti e gli adulti sono vaccinati, si potrebbe accettare il rischio d'immunizzazione naturale fino a che non ci saranno dati affidabili sugli effetti del vaccino anche per loro». Per il gruppo da 16 a 25 anni, invece, Widmer chiede una vaccinazione il più rapida possibile. «Rivogliono la loro libertà, come l'opportunità di viaggiare e andare a concerti o feste. Devono poterlo fare entro l'estate. Non è accettabile che in estate migliaia di anziani si scateneranno nelle località del sud, ma i ragazzi dovranno restare in Svizzera perché non sono ancora stati vaccinati».

I primi risultati sono attesi per l'estate - Diverse aziende farmaceutiche stanno attualmente studiando la risposta del vaccino su bambini e adolescenti. «I più piccoli, che costituiscono gran parte della popolazione mondiale, svolgono un ruolo cruciale nella nostra lotta contro il Covid-19», è stata l'ultima dichiarazione di Pfizer / Biontech. I primi risultati di uno studio in corso, indicano che sono ben protetti dopo il vaccino.

La società americana Moderna e la società farmaceutica britannico-svedese AstraZeneca sono state più veloci. Avevano iniziato a testare i loro vaccini sui bambini più piccoli anche prima di Pfizer / Biontech. I risultati dello studio Moderna per il vaccino tra i 12 ei 17 anni sono attesi per la metà dell'anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
8 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
8 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
9 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
10 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
13 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
13 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
15 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
16 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
16 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile