20 Minuten
SVIZZERA
13.04.21 - 08:030
Aggiornamento : 10:14

«La politica ordini subito il farmaco di Roche»

Berna sta attualmente negoziando una fornitura, mentre la Germania si è già assicurata l'accesso al medicamento.

Il cocktail di anticorpi sperimentale contro il Covid-19, sviluppato in collaborazione dall'azienda americana Regeneron, avrebbe la capacità di prevenire dell'81% l'insorgenza di forme sintomatiche della malattia.

Fonte Pascal Michel e Céline Krapf / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - «La Svizzera dovrebbe assolutamente ordinare quel farmaco». Parole dell'ex vicedirettore dell'Ufsp Andreas Faller che invita la politica a «muoversi rapidamente» per acquistare il REGN-COV2, il farmaco anti-Covid-19 sviluppato da Roche in collaborazione con la ditta americana Regeneron. Il cocktail sperimentale - che contiene i due anticorpi monoclonali (il casirivimab e l'imdevimab) che furono somministrati anche al presidente Donald Trump durante la malattia - ha mostrato nei test di Fase 3 la capacità di prevenire dell'81% l'insorgenza di forme sintomatiche di Covid-19. In più chi ha sviluppato i sintomi della malattia è guarito molto più rapidamente (in una settimana invece che in tre). 

La Germania si è già mossa - Il farmaco, ovviamente, ha già suscitato l'interesse di numerose nazioni e l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) sta attualmente valutando la sua approvazione. La Germania, da parte sua, ha già annunciato a gennaio di aver acquistato 200.000 dosi di due farmaci basati su questa nuova tecnologia.

E la Svizzera? Roche spiega che sono attualmente in corso delle trattative con l'Ufficio federale della Sanità pubblica (Ufsp), ma per ora non fornisce ulteriori dettagli. Da parte sua Swissmedic sta attualmente trattando la domanda di autorizzazione ricevuta lo scorso 10 marzo dal colosso farmaceutico basilese.

«Accesso prioritario» - La politica, ora, spinge perché Berna non perda questa occasione. «I danni economici e sociali causati dalle misure anti-Covid-19 sono così grandi che la Svizzera dovrebbe ordinare tutto ciò che può contribuire ad attenuarle», sottolinea il vice-presidente dell'UDC Franz Grüter. Secondo il consigliere nazionale democentrista bisogna imparare dalla «debacle delle vaccinazioni»: «Meglio ordinare troppo e da fornitori diversi che rimanere a mani vuote». Secondo Grüter, quindi, Alain Berset dovrebbe «immediatamente contattare» la direzione di Roche per garantire alla Svizzera «un accesso prioritario» al preparato.

Una via per la normalità - Anche l'ex vicedirettore dell'Ufsp Andreas Faller è dello stesso parere. «La Svizzera dovrebbe assolutamente ordinare quel farmaco per prevenire i casi gravi e i decessi», precisa a 20 Minuten. «Questo sarebbe un grande passo sulla via del ritorno alla normalità perché molte meno persone finirebbero nel reparto di terapia intensiva».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ugo202230 5 mesi fa su tio
Berset, svegliaaaaaa. Abbiamo un buon farmaco a casa nostra si dia una mossa. Quando avrà concluso si dimetta immediatamente.
SteveC 5 mesi fa su tio
Se non altro, un farmaco per curare la malattia è probabilmente più sensato che una corsa alla cieca alle vaccinazioni di massa
vulpus 5 mesi fa su tio
@SteveC Condivido
stefanobig 5 mesi fa su tio
Terrore, Disinformazione, paura, Sensi di colpa
Geni986 5 mesi fa su tio
Davvero necessario? The answer, my friend, is blowing in Moutier...
Ro 5 mesi fa su tio
Scusate ma ... che succede in quel di Berna ? Mi sembra chiaro: Sono le pressioni delle lobby farmaceutiche. Anche davanti ad una pandemia i governi si dimostrano in balia delle multinazionali. È già qualcosa di inaccettabile in tempi normali ma in una pandemia .... E allora andiamo avanti con la lugubre contare dei decessi. Non è più possibile stare da una parte o dall’altra ai giorni nostri. “ Ma fan vuna giusta e “ 100 “ sbagliaa “
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
Covid, 1'894 casi e 5 decessi in Svizzera
I pazienti affetti dal virus occupano ora il 26,9% dei reparti di terapia intensiva a livello nazionale.
SVIZZERA
3 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
4 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
13 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
15 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
16 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
16 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
18 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
19 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile