Immobili
Veicoli
Tamedia
SVIZZERA
12.04.21 - 22:000
Aggiornamento : 13.04.21 - 08:04

«Se l'UDC vuole essere coerente, dovrebbe lasciare il Consiglio federale»

La presidente del PLR Petra Gössi risponde all'attacco di Marco Chiesa

BERNA - «Attacchi populisti e irrispettosi». Questa la dura replica della presidente del PLR Petra Gössi alle recenti dichiarazioni del suo omologo dell'UDC Marco Chiesa, scagliatosi contro i consiglieri federali liberali-radicali sul tema coronavirus. La deputata svittese ha inoltre invitato il primo partito svizzero a una maggiore coerenza.

«Se l'UDC vuole perseguire una politica di pura opposizione dovrebbe essere coerente e lasciare il governo», ha detto Gössi durante l'assemblea straordinaria dei delegati del PLR, svoltasi in serata in formato virtuale. Chiesa, in un video pubblicato nel fine settimana su Twitter, aveva definito disorientati i due rappresentanti liberali-radicali nell'esecutivo, ovvero Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter.

Il ticinese non ha esitato a mettere pressione e a incolparli per il mancato allentamento delle misure in vigore per contrastare l'epidemia di coronavirus. Chiesa ha anche minacciato possibili conseguenze politiche per loro in vista delle elezioni federali del 2023, parlando di poltrone a rischio a causa di questo atteggiamento.

Secondo Gössi però, «questo dimostra l'ignoranza di Chiesa e dell'UDC su come funziona il Consiglio federale, sebbene anche loro siano doppiamente rappresentati». Il governo non è la sede di un partito, ha sottolineato la consigliera nazionale.

Gössi ha aggiunto che i progressi della campagna di vaccinazione sono troppo lenti e che non è certo contenta di come i cittadini debbano ancora vivere con provvedimenti restrittivi anti-Covid. «Ma mi difendo dagli attacchi populisti e irrispettosi nei confronti dei nostri consiglieri federali», ha affermato, ricordando d'altronde che l'uso della provocazione è un classico in casa UDC.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
58 min
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
1 ora
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
1 ora
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
2 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
4 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
13 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
15 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
1 gior
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile