Tamedia
SVIZZERA
12.04.21 - 22:000
Aggiornamento : 13.04.21 - 08:04

«Se l'UDC vuole essere coerente, dovrebbe lasciare il Consiglio federale»

La presidente del PLR Petra Gössi risponde all'attacco di Marco Chiesa

BERNA - «Attacchi populisti e irrispettosi». Questa la dura replica della presidente del PLR Petra Gössi alle recenti dichiarazioni del suo omologo dell'UDC Marco Chiesa, scagliatosi contro i consiglieri federali liberali-radicali sul tema coronavirus. La deputata svittese ha inoltre invitato il primo partito svizzero a una maggiore coerenza.

«Se l'UDC vuole perseguire una politica di pura opposizione dovrebbe essere coerente e lasciare il governo», ha detto Gössi durante l'assemblea straordinaria dei delegati del PLR, svoltasi in serata in formato virtuale. Chiesa, in un video pubblicato nel fine settimana su Twitter, aveva definito disorientati i due rappresentanti liberali-radicali nell'esecutivo, ovvero Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter.

Il ticinese non ha esitato a mettere pressione e a incolparli per il mancato allentamento delle misure in vigore per contrastare l'epidemia di coronavirus. Chiesa ha anche minacciato possibili conseguenze politiche per loro in vista delle elezioni federali del 2023, parlando di poltrone a rischio a causa di questo atteggiamento.

Secondo Gössi però, «questo dimostra l'ignoranza di Chiesa e dell'UDC su come funziona il Consiglio federale, sebbene anche loro siano doppiamente rappresentati». Il governo non è la sede di un partito, ha sottolineato la consigliera nazionale.

Gössi ha aggiunto che i progressi della campagna di vaccinazione sono troppo lenti e che non è certo contenta di come i cittadini debbano ancora vivere con provvedimenti restrittivi anti-Covid. «Ma mi difendo dagli attacchi populisti e irrispettosi nei confronti dei nostri consiglieri federali», ha affermato, ricordando d'altronde che l'uso della provocazione è un classico in casa UDC.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
8 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
9 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
10 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
10 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
11 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
12 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
12 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
SVIZZERA
12 ore
Crisi cardiache: per paura del virus si muore a casa
Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile