tipress
SVIZZERA
18.03.21 - 23:330

Più ciclisti vittime della strada: «È preoccupante»

Nell'anno del Covid sono aumentati gli incidenti mortali. Pro Velo lancia l'allarme

«Più persone hanno scelto la bicicletta, ma servono infrastrutture migliori».

BERNA - In bicicletta per pedalare via dal Covid. Con la pandemia sono aumentati gli svizzeri che hanno scelto la "mobilità lenta". Ma per fuggire al rischio di contagio sono andati incontro ad altri rischi: i morti sulle strade sono aumentati. 

Il dato è stato diffuso oggi dall'USTRA, assieme alla statistica annuale sugli incidenti. Nel 2020 sulle strade svizzere hanno perso la vita 29 ciclisti, 13 in più rispetto all’anno precedente. L'aumento si è concentrato soprattutto nelle zone urbane, dove si sono registrate 19 vittime (+10). Inoltre 5 persone sono state investite mortalmente su piste o corsie ciclabili e 2 sul marciapiede.

La fascia d'età in cui l’incremento è stato maggiore è quella dei 65–84enni, che, con 8 unità in più, sono passati a 14. I feriti gravi sono stati 934, rispetto al 2019 l'aumento è stato di 132 casi. 

Numeri sorprendenti per Pro Velo, che si dice «molto preoccupata» dalla situazione. «Ogni incidente è di troppo» scrive l'associazione nel comunicato. «Le cause principali degli incidenti sono la disattenzione, la velocità eccessiva del traffico motorizzato, le infrastrutture carenti e l’inattenzione degli automobilisti e dei ciclisti».
 
Una delle ragioni principali dell'aumento del numero di incidenti, riconosce Pro Velo, «è certamente il numero più elevato di ciclisti sulle strade». Ma sono soprattutto l’assenza d’infrastrutture adatte e la velocità del traffico motorizzato a preoccupare l'associazione. «Le infrastrutture ciclabili – continua la nota - sono spesso troppo strette e questo può rivelarsi pericoloso quando i ciclisti si sorpassano a vicenda». 

Il problema aumenta con il diffondersi delle e-bike. Pro Velo non nasconde che il fenomeno sia da tenere sotto osservazione. «I conducenti di bici elettriche devono essere consapevoli che la loro velocità è spesso sottovalutata dagli altri utenti della strada» sottolinea l'associazione. 
 
La soluzione? Anzitutto, rafforzare la sensibilizzatione nelle scuole, e introdurre l'obbligo di un corso di guida per chi utilizza la bici elettrica. Inoltre, Pro Velo auspica maggiori controlli sulla disattenzione alla guida. «L'uso di dispositivi elettronici anche da parte dei ciclisti deve essere più severamente controllato e sanzionato» conclude l'associazione. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
2 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
2 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
3 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
8 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
9 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
9 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
23 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile