Immobili
Veicoli
tipress
VAUD
12.03.21 - 12:210

Genitali graffiati per legittima difesa

Il Tribunale federale ha riesaminato il caso di una donna condannata per lesioni nel 2017

LOSANNA - Il Tribunale federale ha annullato la condanna di una donna che aveva ferito il marito ai genitali durante una lite violenta. Il caso è stato rinviato alla giustizia vodese affinché lo riesamini tenendo maggiormente in considerazione la legittima difesa.

Nell'autunno del 2017, la donna aveva presentato una richiesta di misure a protezione dell'unione coniugale. Il marito aveva reagito con violenza alla convocazione. Dopo aver sferrato un pugno in faccia alla moglie, rompendole un dente, l'aveva afferrata per il collo due volte. Lei era riuscita a liberarsi mordendolo sulla mano e sul braccio ma era stata scaraventata a terra ed era rimasta in mutande. A questo punto lui aveva estratto i suoi genitali, che la moglie aveva graffiato e lacerato.

La donna era stata condannata dal tribunale cantonale vodese per lesioni semplici a 180 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese. Per lo stesso motivo, l'uomo era stato sanzionato con 90 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF accoglie il ricorso presentato dalla moglie. Secondo la corte, il tribunale vodese ha certo tenuto conto della legittima difesa riguardo ai morsi durante i tentativi di strangolamento, ma ha considerato che questa finisse lì senza pensare che la donna potesse ancora sentirsi in pericolo quando il marito ha calato i pantaloni.

L'imminenza del pericolo che giustifica l'autodifesa deve essere considerata durante tutta l'azione, sottolinea il TF, precisando che non è necessario che si verifichi un reato sessuale. Toccherà alla giustizia vodese riesaminare il tutto.

TOP NEWS Svizzera
BERNA
59 min
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
4 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
4 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
5 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
6 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
7 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
7 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
8 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
9 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
10 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile