tipress
VAUD
12.03.21 - 12:210

Genitali graffiati per legittima difesa

Il Tribunale federale ha riesaminato il caso di una donna condannata per lesioni nel 2017

LOSANNA - Il Tribunale federale ha annullato la condanna di una donna che aveva ferito il marito ai genitali durante una lite violenta. Il caso è stato rinviato alla giustizia vodese affinché lo riesamini tenendo maggiormente in considerazione la legittima difesa.

Nell'autunno del 2017, la donna aveva presentato una richiesta di misure a protezione dell'unione coniugale. Il marito aveva reagito con violenza alla convocazione. Dopo aver sferrato un pugno in faccia alla moglie, rompendole un dente, l'aveva afferrata per il collo due volte. Lei era riuscita a liberarsi mordendolo sulla mano e sul braccio ma era stata scaraventata a terra ed era rimasta in mutande. A questo punto lui aveva estratto i suoi genitali, che la moglie aveva graffiato e lacerato.

La donna era stata condannata dal tribunale cantonale vodese per lesioni semplici a 180 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese. Per lo stesso motivo, l'uomo era stato sanzionato con 90 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF accoglie il ricorso presentato dalla moglie. Secondo la corte, il tribunale vodese ha certo tenuto conto della legittima difesa riguardo ai morsi durante i tentativi di strangolamento, ma ha considerato che questa finisse lì senza pensare che la donna potesse ancora sentirsi in pericolo quando il marito ha calato i pantaloni.

L'imminenza del pericolo che giustifica l'autodifesa deve essere considerata durante tutta l'azione, sottolinea il TF, precisando che non è necessario che si verifichi un reato sessuale. Toccherà alla giustizia vodese riesaminare il tutto.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
3 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
3 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
9 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
9 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
10 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
11 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
12 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
12 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
13 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
14 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile