Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
11.02.21 - 20:020
Aggiornamento : 12.02.21 - 06:52

«I ritardi sul vaccino sono il flop di Alain Berset»

L'economia continua ad attaccare. E vuole la fine del parziale lockdown al più presto

L'UFSP resta sulla sua linea: «Tutti vaccinati entro l'estate». Ma per gli esperti è «irrealistico».

BERNA - Domenica 7 febbraio (ultimo dato disponibile) la Svizzera aveva ricevuto 790'425 dosi di vaccino. È stato detto più volte: i ritardi nella fornitura dei preparati hanno forzatamente modificato le tempistiche della campagna di vaccinazione. Ma l'UFSP non molla: «A marzo, questi ritardi saranno compensati - ci ha spiegato la portavoce negli scorsi giorni -. L'obiettivo rimane di avere tutti coloro che lo desiderano vaccinati entro l'estate». Ma per Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali, «non è realistico».

Anche il medico cantonale di Basilea, Thomas Steffen, è dello stesso avviso: «All'inizio si pensava che entro fine febbraio tutti gli anziani avrebbero ricevuto la loro dose. Ma presumo che non sarà così fino in aprile, anche se al momento non è possibile fare previsioni affidabili». Ma per Steffen, per allentare le misure anti Covid-19 attualmente in atto, bisognerebbe essere sicuri di avere vaccinato gli ospiti delle case anziani, gli over 75 e chi soffre di gravi malattie croniche. Considerando pure le "nuove varianti", un completo allentamento «non arriverà prima di maggio». Per il dottor Hauri, però, «non ha senso lasciarsi travolgere dalla frustrazione, quanto cercare il modo di ottenere più dosi».

Ma per l'economista dell'Università di Lucerna, Stefan Boes, questi ritardi sono catastrofici se visti in una prospettiva macroeconomica: il lockdown costa alla Svizzera 110 milioni di franchi al giorno. Che potrebbero essere risparmiati con una normalizzazione della situazione grazie ai vaccini. «La cifra aumenta con il protrarsi nel tempo, perché devono essere considerati anche i costi strutturali, come l'incremento della disoccupazione, le spese nel settore dell'istruzione e della salute».

Per il direttore dell'USAM, Hans-Ulrich Bigler, «il ritardo nella campagna di vaccinazione è l'ennesimo flop del consigliere federale Alain Berset». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 1 mese fa su tio
Sarebbe sufficiente prendere il brevetto con le buone o le cattive per far ripartire il tutto. Ecco chi sono i colpevoli e non i governi.
vulpus 1 mese fa su tio
Ci andrei con prudenza a responsabilizzare solo Berset per questo problema. È stato il CF a voler procedere in questo modo, ritardando all'infinito le approvazioni che già esistevano in altre nazioni. Non è che i produttori dei vaccini li fabbricano su richieste personali. Sono fatti così per tutti. È mancato il coraggio di partire subito, come invece hanno fatto in Israele e in Inghilterra. Del resto hanno ragione: siamo il paese dei medicinali e della chimica, ma abbiamo toppato alla grande.
angie2020 1 mese fa su tio
quando siedono al governo degli incapaci............
bibis 1 mese fa su tio
E' un po' che mi chiedo.. ma i vacciniii?? Non ci sono quasi mai notizie, ne informazioni, solo quanti contagiati, quanti morti, ma quanti vaccinati?? Almeno finalmente con questo articolo ne sappiamo qualcosa in più, cioè, niente di rassicurante! E' assurdo che siamo uno dei paesi più ricchi e non possiamo permetterci di comprarli e distribuirli in breve tempo! ps. Un mio amico di 40 anni che vive in un paese dell'est Europa si è già vaccinato da un pezzo.. probabilmente a pagamento, ok, ma almeno hanno la possibilità di farlo. Invece i nostri genitori e nonni qui rischiano ancora la vita!
burningsimon 1 mese fa su tio
Siamo governati da 7 incapaci!!!
Meck1970 1 mese fa su tio
Purtroppo i politici sono diventati dei burattini
lecchino 1 mese fa su tio
In alternativa si potrebbero richiudere le case per anziani, confinare gli over 75 e le persone a rischio....... Ah, no non è politicamente corretto. All'iora confiniamo tutti e impediamo di lavorare a chi di pensione non campa. Al PS piace così.....
lollo68 1 mese fa su tio
@lecchino È meglio far star male tutta la popolazione che solo una parte: assurdo!
Veveve 1 mese fa su tio
Certo e’ che la Svizzera è piccolissima ha una marea di case farmaceutiche ha tutti i soldi che vuole...e non abbiamo i vaccini! Qualcosa che non funziona di sicuro c’è! Israele ha gli stessi nostri abitanti e li hanno già vaccinati tutti quelli che volevano! Forse è il caso di farsi qualche domanda!!!
seo56 1 mese fa su tio
L’economia farebbe meglio a tacere!!
Don Quijote 1 mese fa su tio
@seo56 Certo per perché il tuo stipendio piove dal cielo il 25 di ogni mese!
ciapp 1 mese fa su tio
mha va !!!! cosa apettano a pensionarlo !!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
2 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
2 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
4 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
6 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
7 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
16 ore
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
GIURA
16 ore
I cavalli in volo nel cielo del Giura
È stato un successo l'esperimento compiuto giovedì e venerdì da veterinari e dall'esercito
SVIZZERA
17 ore
30mila casi al giorno «sarebbero accettabili»
L'importante è vaccinare le persone a rischio, secondo Valentin Vogt. Le cui argomentazioni non convincono tutti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile